Montella e il suo tabù “Mai battuto la Roma le voglio ancora bene…”

di finconsadmin

(Gazzetta dello Sport – G.Sardelli) Qualche dubbio, svariate certezze, affetti in ballo. Partendo dal fondo, Montella spiega perché, da allenatore, non ha ancora mai battuto la Roma: «Forse perché le voglio ancora bene… Ma spesso il risultato poteva essere diverso». Tra le incognite, il partner d’attacco dell’inamovibile Cuadrado. Matri e Matos battagliano, in attesa del rientro dei big. Rossi e Gomez, sono ancora fuori causa. «Senza infortuni e potendo giocare una volta a settimana, il divario con i giallorossi non sarebbe stato così ampio», prosegue l’Aeroplanino. Ventuno punti di distacco in classifica, in effetti, sono molti. Tanto miele per i giallorossi: «Hanno fatto un campionato straordinario e Garcia ha dato equilibrio e convinzione. Però hanno trovato una Juve imbattibile».

 

Stasera servirà la miglior Fiorentina. Una prova generale in vista della partita dell’anno. La finale di Coppa Italia col Napoli. «Roma e Napoli si somigliano» ammette il tecnico. Prima di salutare con una battuta il grande ex. «Ljajic non ha avuto continuità, noi siamo pronti a riprenderlo in prestito…se la Roma gli paga lo stipendio».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy