La Roma ha fede. Di Francesco: “Carica e cinismo per il miracolo”

Il tecnico giallorosso: “Il Barcellona è battibile, dobbiamo provarci. Schick è pronto: lui ha il gol nel sangue”

di Redazione, @forzaroma

Eusebio Di Francesco sa bene come la sfida con il Barcellona sia più un’occasione che una fotografia del presente. Per questo, a dispetto della logica, l’allenatore della Roma vuole cercare la rimonta leggendaria, quella a cui nessuno crede ma tutti sognano, scrive Massimo Cecchini su “La Gazzetta dello Sport“. A partire dai 60.000 di un Olimpico tutto esaurito. “Credo che la gente possa essere la nostra arma in più – spiega l’allenatore – ma dobbiamo essere noi a trascinarli in questa gara con una grandissima prestazione. Perciò il Barcellona va affrontato coi migliori. Dopo penseremo al derby. Abbiamo conquistato ciò che nessuno si aspettava, e allora perché non crederci fino alla fine e sperare di fare il miracolo? Abbiamo il dovere di provarci. Lo stesso Barcellona fuori casa ha fatto vedere meno la sua forza. Sì, dall’altra parte c’è Messi. Cercheremo di togliergli spazi anche stavolta“.

Nell’ultimo test prima della Fiorentina abbiamo fatto un allenamento cercando di essere più concreti sotto porta, e mi ero arrabbiato perché facevamo pochi gol. Il riferimento era che la cattiveria che non hai in allenamento, la riporti in partita. Sia a Barcellona che coi viola siamo mancati nel cinismo, che non compri al supermercato ma apprendi col lavoro. Il fatto che costruisci tanto e non concretizzi è un difetto che ci portiamo dietro. Dobbiamo migliorare, ma il fatto che non si allenino con intensità non è vero“. Proprio per cercare il gol, si va verso l’esordio di Schick in Champions. “Potrebbe esserci spazio per lui, visto che occorre mettere più uomini col senso della rete. Finora ne ha fatte poche ma ha nel sangue la possibilità di segnare. Poi, speriamo in decisioni a nostro favore, cosa che ultimamente non accade. Il Barcellona in questa stagione non ha mai perso in Champions, nella legge dei grandi numeri potrà succede che ne perdano una e ci auguriamo sia questa. In fondo c’è il precedente del 3-0 al Chelsea“.

I titoli di coda sono sulla mentalità vincente che la Roma deve ancora acquisire. “Io mi sento il signor Nessuno, ma porto avanti la mia idea fortemente, con scelte giuste e sbagliate. Per tentare di fare questo anche io devo sbagliare molto meno. Certo, sento spesso parlare di mentalità vincente, ma credo che qui si sia vinto pochissimo, perciò mentalità vincente non c’è mai stata, o solo poche volte e in passato. Si crea col tempo, senza dare adito a scusanti come l’ambiente. Credo che bisogna migliorare a casa nostra, a Trigoria, e poi magari trascinare tutti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy