Torna il derby romano

di Redazione, @forzaroma

(Il Tempo – G.Giubilo) – Gioca in casa per calendario la Roma, ma anche se la Lazio ha tradizione nettamente sfavorevole nei panni dell’ospite, non vince in campionato da quindici anni, parliamo di un dato del tutto occasionale, in realtà il fattore campo non è determinante in questo tipo di sfide.

E dunque, fatto salvo l’equilibrio che costituisce l’abituale etichetta, è la Lazio a reclamare il favore del pronostico, e sia pure in termini non certamente clamorosi. A premiare la scelta sono le cifre della classifica, sette punti di vantaggio per i laziali, un terzo posto condiviso con l’Udinese per l’obiettivo che anche la Roma vorrebbe perseguire. Un confronto affascinante, la Roma è giovinezza e fantasia, con tutti gli alti e bassi che queste caratteristiche impongono, la Lazio oppone collaudata solidità e soprattutto quello spirito pratico che l’ha proiettata, già dalla scorsa stagione, nelle zone privilegiate della graduatoria. Vigilia interpretata con eleganza e signorilità da due tecnici che sul piano umano hanno puntualmente suscitato consensi. Curioso il loro destino, in comune gli sbalzi di umore e le divisioni delle rispettive tifoserie, anche le divisioni delle rispettive tifoserie, anche se le opposizioni restano in chiara minoranza. Comprensibile che Luis Enrique incontri difficoltà, il progetto affidato ai giovanissimi e la filosofia legata a un gioco sempre propositivo, non conquistano quella parte del tifo che guarda soltanto al risultato, non importa come, non proprio un atteggiamento onorevole, ma ognuno è libero di pensarla secondo personali propensioni. (…)

A Luis Enrique mancheranno gli squalificati: ancor più di quella di Osvaldo, pesa la rinuncia a Gago, geometra di qualità e complemento perfetto per il reparto illuminato da De Rossi e Pjanic. Come sempre il tecnico asturiano potrebbe riservare sorprese, come il rilancio di Greco ipotizzato ieri a Trigoria, ma è pensabile che a centrocampo possa ritagliarsi finalmente uno spazio Perrotta, da tempo ai margini, a meno che non si voglia privilegiare lo stellone che puntualmente accompagna le apparizioni di Simplicio nelle stracittadine. Un’ultima annotazione, che solleva lo spirito: si gioca alla luce del sole.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy