Tor di Valle, il Comune avvia la revoca. La Roma pensa al nuovo progetto

di Redazione, @forzaroma

Mentre la nuova Roma targata Friedkin guarda solo al futuro e al nuovo progetto per lo stadio giallorosso, il Campidoglio scrive una lettera al club e alla Eurnova del costruttore indagato Parnasi, come riporta Lorenzo De Cicco su Il Messaggero.

Mossa che era nell’aria già da venerdì scorso, da quando cioè il Cda della Roma aveva scritto alla giunta chiedendo di “estinguere” l’iter. Concetto poi ribadito tre giorni fa durante il faccia a faccia tra la sindaca Raggi e il presidente giallorosso Dan Friedkin, un vertice in cui si è discusso del nuovo impianto, ecologico, in una zona meglio collegata. Circolano già alcune ipotesi: l’Ostiense, la Togliatti, la suggestione Flaminio.

Si tratta del primo atto formale per chiudere la vecchia pratica. Per il Comune mancano “elementi di consenso” tra Eurnova e la Roma. Secondo l’amministrazione, la società di Parnasi non può da sola considerarsi proponente unico. Oltre alle mancate fideiussioni, citate nella lettera, oltre ai terreni ancora pignorati, c’è soprattutto un ostacolo: un atto d’obbligo che la Roma non è più disposta a firmare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy