Stadio, ora il “cerino” resta in mano a Grillo

Il leader dei Cinque Stelle domani arriva a Roma per incontrare la Raggi e i consiglieri comunali

di Redazione, @forzaroma

Domani Beppe Grillo arriva a Roma domani ma non potrà convincere i consiglieri comunali ad accettare un compromesso sullo stadio. Inizialmente la sua venuta sembrava presagire una moral suasion nei confronti dei consiglieri comunali per convincerli a sostenere il progetto di Tor di Valle, come scrive Mauro Evangelisti su Il Messaggero. Ora però alcuni tasselli, ultimo la posizione del Mibact che ha iniziato la procedura che dispone un vincolo sull’ippodromo costruito nel 1959, stanno rendendo impossibile il raggiungimento di questo traguardo.

Lo scenario ora appare differente. Cambia in parallelo anche il senso della protesta annunciata per martedì, guidata dal responsabile del tavolo dell’Urbanistica M5S, Francesco Sanvitto, che di fronte all’apertura di martedì della Raggi aveva detto «c’è scollamento con la base, il Movimento sta perdendo il suo spirito». Sanvitto, accompagnato da un gruppo di attivisti, martedì vuole consegnare il testo di una delibera che annulla il sì allo stadio. Lo slogan della manifestazione è «Virginia, c’è posta per te», ma come spesso succede il postino potrebbe arrivare in ritardo, perché l’orientamento della sindaca è cambiato.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy