Stadio, la giostra delle opere saltate: “Così l’ingorgo è assicurato”

Stadio, la giostra delle opere saltate: “Così l’ingorgo è assicurato”

Spariti i progetti di prolungare la Metro B e la costruzione del Ponte di Traiano

di Redazione, @forzaroma

All’inizio fu la metro B, con la promessa di portarla fino a Tor di Valle, con tanto di sfiocco dalla stazione di Eur-Magliana, tutto messo nero su bianco in una delibera approvata in Campidoglio nel 2014. come riporta Lorenzo De Cicco su Il Messaggero. Tutto sparito, poi: via il prolungamento della linea blu, si è puntato sulla disastratissima Roma-Lido.

All’inizio il Campidoglio ha chiesto di rafforzarla ai privati, prescrivendo una “frequenza di 16 treni l’ora nelle fasce di punta”. Invece nell’ultimo atto che ha attribuito l'”interesse pubblico” al progetto stadio, non si parla più di un numero minimo di convogli, solo di un contributo generico – all’incirca 40 milioni – che i proponenti verserebbero per la mobilità.

Fondi chiaramente insufficienti per rimettere in sesto una delle peggiori ferrovie d’Italia. Sparito anche il Ponte di Traiano, prima a carico dei privati, ora senza finanziamenti, l’unica opera di un certo rilievo che pagherebbero i proponenti è la fusione dell’Ostiense-Via del Mare. Due strade oggi divise da un guardrail per lunghi tratti e da alcuni edifici in altri. Edifici che andrebbero buttati giù, per portare a dama l’intervento promesso. Ma ora i privati nicchiano e spingerebbero per un intervento «soft», anche se l’amministrazione, per ora, non sembra indietreggiare, su questo punto.

Il M5S – ha detto Berdini, “ha tradito le promesse elettorali”. L’ex assessore ha parlato delle conseguenze “disastrose” sul traffico, accanto all’ex dissidente grillina Cristina Grancio, che ha presentato una delibera per chiedere il ritiro “in autotutela” della dichiarazione di interesse pubblico sul progetto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy