Roma, un tris di speranza

Roma, un tris di speranza

Il Genoa va due volte in vantaggio, poi viene messo ko da Cristante. Di Francesco respira, ma rimane in apnea

di Redazione, @forzaroma

Pure se faticosamente, riparte la Roma, fischiata dal suo pubblico. La prestazione è da bocciare, scrive Ugo TrRani su Il Messaggero. Conta, però, il risultato.

Lenta e macchinosa. Nervosa e distratta. Debole e sciatta. Ma almeno capace di tornare a vincere dopo 36 giorni: 3-2 contro il Genoa, in vantaggio per due volte nel 1° tempo. Sul risultato pesa il rigore che l’arbitro Di Bello nega a Pandev nel recupero: la spinta di Florenzi è ingenua e al tempo stesso evidente. Di Francesco resta in apnea, il 6° posto è deludente.

Monchi oggi vola a Boston da Pallotta, bocciato definitivamente dall’Olimpico, per salvare l’allenatore. Che ha il coraggio, nella notte in cui deve riuscire a difendere il posto, di passare al 3-4-3 con il falso nove, poi modificato in corsa e trasformato nel 5-3-2 per non crollare. Le assenze rimangono di primo piano: fuori El Shaarawy, Lorenzo Pellegrini e Dzeko. In panchina c’è De Rossi, ma da capitano non giocatore.

E, come se non bastasse, la papera di Olsen, inattesa e inquietante, va a complicare ulteriormente il match. Il tiro di Hiljemark, da fuori area, è centrale e anche facile da trattenere. La palla, però, sfugge al portiere e passa tra le sue gambe. Dopo l’errore nella presa, anche la lentezza nel recupero. Prima di sorpassare la linea, il tocco decisivo di Piatek, adesso capocannoniere solitario con 12 reti. I

La Roma, senza il finalizzatore scelto, fa una grande fatica e si sa da tempo. La conferma, comunque, arriva proprio nella serata in cui Di Francesco si presenta senza prima punta. In area del Genoa il più pericoloso è Fazio. Che al terzo tentativo pareggia: girata di destro su punizione di Florenzi. Pari momentaneo. Ecco l’ennesima dormita, dopo meno di 2 minuti: la difesa sbanda anche con 5 sentinelle, soprattutto con Florenzi e Kolarov distratti sui lati. Sul corner di Romulo, Sandro anticipa di testa Zaniolo e Hiljemark fa centro sul secondo palo. La squadra rimane fragile dietro e timida: nell’assetto e nel comportamento. Non è un caso che per il secondo pari utilizzi il più classico dei contropiede. Kolarov verticalizza centrale, Under smista di tacco sulla destra e Kluivert, battendo allo sprint l’ex Zukanovic, calcia in diagonale sul palo lontano per il suo 1° gol in A.

Nella ripresa Under, su respinta maldestra di Radu, calcia in Curva Sud a porta vuota. E Olsen, invece, concede addirittura il bis: stavolta si perde la palla sul tiro di Lazovic. Il vantaggio del Genoa, il terzo della serata, viene però cancellato dal Var per fuorigioco di rientro di Piatek. La Roma, impaurita e vulnerabile, si abbassa davanti a Olsen. Zaniolo ormai fa il centrocampista dall’inizio del 2° tempo. Prudente, ma incredibilmente efficace. Cristante, scambiando con Kluivert che di testa gli acchitta il tiro dal limite, firma il sorpasso dopo un’ora e più tardi chiude la sua partita colpendo il palo da posizione ravvicinata: nessuno in casa segna quanto i giallorossi (21 reti).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy