Roma, campionato con il segno meno

Quella di Di Francesco è l’unica delle prime 5 in classifica ad andare più piano di un anno fa, andamento lento che dipende dai gol realizzati

di Redazione, @forzaroma

Il fenomeno resterà pure inspiegabile ma è chiaro che il raccolto e il rendimento all’Olimpico rischiano di far uscire la Roma dalla corsa Champions, come riporta Ugo Trani su Il Messaggero. Il dato più significativo, a 7 turni dal traguardo, è nel paragone con l’anno scorso: 11 punti (60/71) e soprattutto 19 reti (50/69) in meno. La Lazio, con il miglior attacco del torneo, ne ha segnati 75 (23 in più del 2017).

La Roma è l’unica delle prime 5 in classifica ad andare più piano di un anno fa: la Juve ha 4 punti in più, il Napoli addirittura 10 e l’Inter comunque 4. Solo la Lazio va allo stesso ritmo. L’andamento lento dei giallorossi dipende dai gol realizzati. In casa ne mancano già 17 (25/42). Numero che non fa altro che confermare come all’Olimpico la mira non sia nemmeno sufficiente. Basterebbe l’addio di Salah, il 2° miglior marcatore della stagione scorsa, a spiegare il saldo negativo, anche perché il sostituto (titolare) non è mai arrivato a Trigoria.

La rosa è meno competitiva, e qualcuno se n’è accorto solo dopo 41 match, di quella dell’anno scorso. Gli infortuni fanno parte del gioco, gli investimenti sbagliati no. Probabilmente, con 4 posti a disposizione per la Champions, gli interventi sul mercato sono stati meno invasivi. Solo a fine stagione sapremo quanto l’input di Pallotta sia stato mirato all’obiettivo. I ricambi, ora è evidente, non sono all’altezza per contrastare la Juve nella lotta per lo scudetto, oggi lontana 21 punti e nel campionato scorso solo 6. L’esempio è il Napoli che, senza più le coppe, ha faticato ieri pomeriggio a battere il Chievo, sfruttando però le reti dei panchinari Milik e Diawara per la rimonta vincente. Di Francesco non trova la stessa qualità nei rinforzi. Che tali non sono. Semplicemente, sopravvalutati.

I giallorossi sono ancora sul podio solo perché in trasferta hanno preso più punti che nella Capitale: 32 (e 1 partita in meno), Se, all’Olimpico, vanno sotto, non riescono tra l’altro a recuperare: sono 7 le gare in cui si sono trovati in svantaggio nel risultato e 6 sono state le sconfitte. Nessun pari e solo 1 successo, contro il Benevento ultimo. Il cortocircuito, quindi, è evidente nel momento in cui bisogna preparare la rimonta. La Roma ha perso la lucidità davanti alla porta avversaria. Gli errori individuali, però, appartengono ad ogni reparto.

A centrocampo manca il regista per il 4-3-3: De Rossi e Gonalons non hanno il dinamismo e la rapidità di chi deve comandare il pressing e verticalizzare l’azione. Dietro la linea è incompleta, in particolare sui lati.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy