Quando Sarajevo si gemella con Utrecht

Un gol alla van Basten, tanto bello quanto pesante, quello di Edin Dzeko che regala i primi tre punti in campionato

di Redazione, @forzaroma

Chi, se non lui? Chi, se non Edin, poteva regalare alla Roma la prima soddisfazione del campionato? Chi, se non il giocatore più forte a disposizione di EDF, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero, poteva segnare un gol tanto bello quanto pesante, quando la partita stava per andarsene nello spogliatoio? Ci ha pensato lui, ed è giusto ritenere che la cosa non sia stata casuale.

Questione di dna, ma non solo. Rabbia, forse. Anzi, rabbia sicuramente considerata la sua esultanza dopo aver visto che il pallone era terminato alle spalle di Sirigu.

La Roma, grazie a Dzeko, ha vinto una partita rognosa che ha anche rischiato di perdere per errori, vistosi assai, di alcuni suoi protagonisti. Se non altro, la Roma ha dimostrato di avere una rosa in grado di garantire all’allenatore la possibilità di continue variazioni, sia tecniche cha tattiche. Anche all’interno della stessa partita.

Un gol alla van Basten, ecco l’etichetta. Del resto, Edin è o non è il Cigno di Sarajevo? O, a questo punto, di Utrecht? .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy