Nainggolan, dalla lite con la moglie alle accuse alla Juventus

Il belga utilizza i social con la leggerezza di un ragazzo di 29 anni, dimenticandosi però a volte che lui non è un ragazzo qualunque

di Redazione, @forzaroma

C’è ricaduto un’altra volta. Nainggolan e i social, una sorta di amore-odio. Perché Radja li utilizza con la leggerezza di un ragazzo di 29 anni, come scrive Stefano Carina su Il Messaggero, dimenticandosi però a volte che lui non è un 29enne qualunque. Lo scivolone di Capodanno non rappresenta per il belga un inedito. La lista è lunghissima: dalle reiterate liti con i tifosi juventini alle risposte piccate rifilate anche a qualche sostenitore giallorosso (l’ultima dopo il ko di Madrid); dalle foto che lo ritraggono con una sigaretta in mano oppure sorseggiando un cocktail o un bicchiere di vino (non una novità per molti sportivi, ma pur sempre un’immagine sconveniente che si trasforma spesso in un boomerang), ai messaggi nemmeno troppo criptati nei confronti del ct Martinez, reo di non averlo convocato in alcune occasioni.

Radja a volte esce anche dal mondo virtuale, nel far parlare di sé. E’ accaduto nell’aprile del 2014, quando a Cagliari si scatenò il putiferio per un’accesa lite tra lui la moglie Claudia – sfociata addirittura in intervento dei Carabinieri – e soltanto in un secondo momento minimizzata dai protagonisti su Twitter. Difficile cambiarlo alla soglia dei 30 anni. Prendereo lasciare.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. romaugusta - 3 anni fa

    Ma lasciatelo in pace!Addirittura ieri sera su una tv sportiva un giornalista ha sentenziato che se la Roma è una società seria deve venderlo!E ce credo l’esimio è di Milano!CE l’abbiamo e ce lo teniamo il Ninja!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. noel - 3 anni fa

      sti giornalisti stanno aprendo la strada per un suo trasferimento: I tifosi romanisti devono opporsi a squarciagola.

      Gridiamolo forte perche la campagna distruttiva e` incominciata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy