Fenomeno Gervinho

Dopo essersi trovato ad un passo dalla cessione all’Al Jazira l’esterno ivoriano ce la sta mettendo tutta per riconquistarsi la piazza. Basterà? Al momento per la società è ancora tra i cedibili

di Redazione, @forzaroma

Due volte con le valige in mano, una volta per andare (o quasi), l’altra per tornare. In questo modo Il Messaggero immortala l’estate di Gervinho, a un passo dal lasciare la Roma al termine di una stagione deludente, e poi tornato a Trigoria a causa dell’affare sfumato all’ultimo con l’Al Jazeera. 15 milioni erano stati offerti dal club di Abu Dhabi: un sacco di soldi che tuttavia non sono mai giunti nelle casse giallorosse, chissà perché alla fine.

Qualcosa è cambiato comunque, e la freccia ivoriana è tornata a sfrecciare a tutta velocità, sui campi di allenamento e su quelli delle partite amichevoli. Rudi Garcia è tornato a difenderlo, a schierarlo sempre e comunque da titolare perché “perfetto per il suo gioco”: 5 volte dal primo minuto in 6 amichevoli, man of the match contro il Real Madrid in Australia e sabato contro il Valencia al Mestalla. Cresce la preparazione e cresce il minutaggio: 45′ contro Gyrmot, Real e ManCity, 60′ contro lo Sporting Lisbona, 65′ contro il Barça e 70′ contro il Valencia. Garcia manda un messaggio: mano a mano che la squadra si fa pronta e definita, Gervinho conquista spazio in campo.

Eppure, la società l’ha comunicato all’allenatore la porta è ancora aperta, Gervais ancora tra i cedibili.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy