E' già la Roma di Luis Enrique

di Redazione, @forzaroma

(Corriere dello Sport – G.D’Ubaldo) Piace la Roma di Luis Enrique. Le novità introdotte dal tecnico asturiano nei primi giorni di al­lenamento. si sono cominciate ad intra­vedere nella prima sgambatura stagio­nale.

Senza i nuovi acquisti e con un mix di vecchia guardia e giovani della Pri­mavera, nell’amichevole contro i dilet­tanti di Brunico. E’ finita 10-0 per i gial­lorossi.

MODULO -Ecco subito il 4-3-3, il marchio di fabbrica del Barcellona che fa sogna­re i tifosi della Roma. Ecco il possesso di palla, ricercato con insi­stenza, evitando i lanci lunghi che fanno infuriare il nuovo tecnico e che non tutti i giocatori hanno ancora eliminato dal loro ba­gaglio tecnico. Ecco i ter­zini che spingono come ali. Ecco i giovani, che carat­terizzeranno la Roma americana. Luis Enrique ne ha mandati subito in campo due, Antei e Capra­ri ( gli unici a fare tutti i novanta minuti con Taddei), poi nella ripresa Cre­scenzi, Verre e Viviani, personalità e un bel gol dal limite per lui. E’ piaciuta anche la sicurezza di Antei. Luis Enri­que ha fatto subito scelte che possono essere indicative per la Roma che ver­rà. Taddei è stato arretrato nel ruolo di terzino, prima a sinistra e poi a destra, a centrocampo De Rossi ha fatto il cen­trale e Pizarro l’intermedio, in attacco Caprari è stato preferito inizialmente a Vucinic e Menez, mentre Borriello è stato impiegato da esterno. E poi Cicin­ho, uscito dal dimenticatoio e promosso titolare.

TOTTI -Il primo gol ufficiale della nuova stagione non poteva non essere firmato da Francesco Totti. Sua la rete in apertura, come negli ultimi due anni a Bru­nico. Una bella azione di Cicinho, un gio­catore che Luis Enrique sta cercando di rilanciare, e tocco del capitano sporcato da un difensore. Poi è stata la volta di Caprari, su lancio di Taddei e un minu­to dopo il gol più spettacolare di Borriel­lo, con una strepitosa rovesciata su as­sist di Pizarro. Al cospetto di Luis, Ci­cinhos embra essere tornato ai tempi belli del Real Madrid e ha continuato a rovesciare palloni in mezzo. Ottimo an­che quello per il quarto gol, di Taddei. Protagonista della Roma del primo tem­po, quella con molti titolari, in attesa dei nuovi acquisti, è stato Borriello, schiera­to da Lucho a destra nel tridente. L’ex milanista ha realizzato una tripletta, proponendosi per un ruolo che non sia in contrapposizione a Totti. Una soluzione in più per la Roma, in attesa dell’arrivo di Bojan e Lamela.

SECONDO TEMPO -Nella ripresa sono en­trati tra gli altri Vucinic e Menez. Per il montenegrino questa volta sono arrivati solo incitamenti da parte dei tifosi, anche quando ha sbagliato la conclusio­ne da posizione favorevo­le. Ci ha messo buona volontà , ma non ha visto la porta. Rosi è riuscito a sbagliare un rigore prima del gol finale di Menez, al termine di un’azione di calcetto. In precedenza avevano festeggiato la pri­ma rete anche i baby Vi­viani e Verre.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy