Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

Leggo

Tutti pazzi per Felix: adesso Mou vuole lanciarlo dall’inizio

Getty Images

Molto religioso, serio con un passato nell’atletica e la volontà ferrea della mamma di farlo studiare nonostante le doti da calciatore

Redazione

Passare da Afena a Afenomeno a Roma è un attimo così come commettere una gaffe di quelle pessime, scrive Francesco Balzani su Leggo. Quello fuggente e vincente l’ha colto Felix domenica sera quando è diventato il terzo giocatore più giovane di sempre (18 anni e 305 giorni) a segnare una doppietta in serie A. Due reti che hanno salvato la Roma e inorgoglito un continente intero. "Mi arrivano richieste di interviste da tutta l’Africa", esclama il suo agente. Lì dove c’è ancora mamma Juliet alla quale Afena ha dedicato i gol. "Sei il mio eroe, sono fiera di te", il tweet della donna che a breve raggiungerà il figlio a Roma. Da ieri, infatti, tutto è cambiato. Mou se lo è portato per sempre in prima squadra. Una tecnica vincente adottata negli anni con i vari Casemiro, McTominay o Morata. Pagata anche la scommessa con il regalo delle Balenciaga, un paio di scarpe da 800 euro. E qui ecco l’attimo terribile. Ieri, infatti, il portoghese ha consegnato le scarpe al ragazzo ma a fare rumore è stata una gaffe mastodontica causata da una voce fuori campo. Mentre Felix scartava il prezioso pacchetto si sente chiaramente: "Ci troverai delle banane" Sui social ha fatto il giro del mondo in pochi minuti. Il video è stato rimosso, ma la frittata era fatta. La Roma ha spiegato che è un modo scherzoso che usano sempre nello spogliatoio. E in serata lo stesso Felix ha spiegato: "Sto leggendo molti commenti per quel video. Sono sicuro che non c’è alcun intento razzista in quella frase. Qui mi sento in famiglia, vedono davvero che mangio molte banane". Lezione di umiltà dal ragazzo portato nella capitale dall’osservatore Lo Schiavo e Morgan De Sanctis. Molto religioso, serio con un passato nell’atletica e la volontà ferrea della mamma di farlo studiare nonostante le doti da calciatore. Un ragazzo d’oro, un ragazzo Special.