Sarri-Friedkin contatto. Il club ha già pronto un triennale da 5 milioni

Nessun accordo preliminare, ma un arrivederci che sa tanto di proposta di matrimonio

di Redazione, @forzaroma

Due colloqui per piacersi e promettersi il futuro. Il flirt tra Maurizio Sarri e la Roma comincia a diventare qualcosa di più serio, scrive Francesco Balzani su Leggo. I Friedkin, infatti, avrebbero incontrato per almeno due volte l’ex tecnico juventino trovando piena disponibilità.

Nessun accordo preliminare sia chiaro, ma un arrivederci che sa tanto di proposta di matrimonio triennale da 5 milioni. Il destino di Fonseca d’altronde sembra segnato e c’è chi giura che nemmeno l’impresa di vincere l’Europa League lo farebbe restare sulla panchina. Il sogno Allegri è destinato a rimanere tale a meno che Max non decida di accettare subito la Roma che peraltro non si fa sentire con lui da gennaio.

Le piste estere sono impraticabili per un motivo (Nagelsmann si è promosso al Real) o per l’altro (Conçeicao ha un passato scomodo e troppe incognite). La candidatura di Sarri, invece, non presenta complicazioni. Ha esperienza in piazze da big in Italia, gradisce la rosa attuale, non pretenderebbe subito un mercato sostanzioso e avrebbe il tempo di ricostruire a Trigoria quel laboratorio di talenti da plasmare come aveva fatto a Napoli. Scorrendo i nomi in effetti ne emergono molti funzionali al suo 4-3-3. In difesa servirebbero un terzino (Hysaj) e probabilmente un altro centrale (Maksimovic?) oltre al portiere che potrebbe essere Gollini.

A centrocampo Pellegrini e Veretout sarebbero le mezz’ali con Villar regista alla Jorginho mentre in attacco sorriderebbero El Shaarawy, Zaniolo e Pedro che con Sarri al Chelsea ha segnato 13 gol risultando decisivo per la vittoria dell’Europa League. Il tecnico napoletano (cresciuto in Toscana) porterebbe la sua preparazione atletica: allenamenti più lunghi e intensi. Che poi sono alcuni degli aspetti che si rimproverano spesso a Fonseca.

COVID – Sospiro di sollievo dopo la decisione della Asl in merito ai nazionali che sono stati a contatto con positivi. Sono risultati negativi i tamponi a Dzeko e gli azzurri e il protocollo da seguire sarà il seguente: casa-lavoro-casa e tamponi ogni 48 ore per 14 giorni. Trasferta salva quindi. Il Sassuolo invece ha scelto la via della prudenza e ha comunicato che, pur in presenza di un risultato negativo del tampone, non convocherà Locatelli e Ferrari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy