A gennaio ci sarà un altro giro di Walter

Quasi certe le cessioni di Iturbe e Doumbia, presterà Uçan e cercherà almeno un difensore

di Redazione, @forzaroma

La coperta è lunga o resta corta? Le parole di Sabatini, oltre a generare nuove polemiche in una delle settimane più tranquille del 2015 giallorosso, hanno aperto il dibattito sull’opportunità di intervenire a gennaio per completare una rosa impegnata (si spera anche nel 2016) su 3 competizioni. «Non torneremo sul mercato, siamo stufi della storia della coperta corta», è partito in quinta il ds per poi elencare una serie di situazioni individuali: dagli elogi ai terzini (compreso il Primavera Nura) ai cosiddetti “esclusi” da Garcia che potrebbero seguire le orme dei vari Jedvaj, Paredes, Sanabria e Dodò. Da Gyomber a Uçan passando per Iturbe e Palmieri. In quattro hanno accumulato appena 319’, ben più della metà (228’) da Iturbe che chiede maggiore spazio. «Se scalpita per giocare lo cederemo, ma poi dovrei intervenire sul mercato», ha detto Sabatini. E di squadre pronte a prenderlo ce ne sono: in Italia (Torino) e in Spagna. Il prossimo mese, senza Salah, sarà decisivo per sciogliere le riserve dell’argentino. Chi non ha bisogno di tempo per valutare se cambiare o meno aria è Uçan. Il turco è l’ultima scelta di Garcia a centrocampo (292’ giocati da agosto 2014) e andrà quasi sicuramente in prestito. A quel punto la coperta si accorcerebbe. Anche per questo in pochi credono a un immobilismo della Roma sul mercato considerato anche il recente passato che a gennaio ha portato in giallorosso Marquinho, Nainggolan, Ibarbo e Doumbia. Quest’ultimo potrebbe portare nelle casse di Trigoria 15 milioni: dal Cska («Valuteremo a dicembre cosa fare», ha detto ieri il ds russo) o dal West Ham. Soldi che potrebbero servire a rinforzare la difesa. Perché se è vero che Rüdiger (definito «in chiaro scuro» pochi giorni fa da Sabatini) sta mostrando notevoli progressi tanto da essere richiamato in nazionale, è altrettanto lampante il ritardo di condizione di Castan e i dubbi di Garcia su Gyomber. Di sicuro a giugno cambierà qualcosa in porta viste le difficoltà per Szczesny («Meglio giocare qui che fare la panchina all’Arsenal», ha però puntualizzato ieri il polacco). Sabatini ha opzionato il brasiliano Allison dell’Internacional e Scuffet dell’Udinese.

(F. Balzani)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy