Tregua a Trigoria. Garcia divide Sabatini e Pallotta

Di fronte alla pretesa del presidente di cacciare il mister, infatti, il dirigente giallorosso ha minacciato le dimissioni, convinto che la cura possa far peggio della malattia

di Redazione, @forzaroma

Domenica la squadra si è stretta in un abbraccio attorno a Garcia. Sabatini, però, è apparso più nervoso che mai, ed il motivo è presto detto: Pallotta è stato descritto come infuriato con allenatore e management italiano per la gestione di tutto il 2015. Ora la tensione sembra essersi attenuata, scrivono Matteo Pinci e Francesca Ferrazza su “Repubblica“. Il tecnico resta in bilico, ma resiste.

E più dell’abbraccio giudicato un po’ ruffiano dai tanti fischi dell’Olimpico, ha potuto l’aut aut di Sabatini: di fronte alla pretesa del presidente di cacciare il mister, infatti, il dirigente giallorosso ha minacciato le dimissioni, convinto che la cura possa far peggio della malattia. Così il numero uno giallorosso ha acconsentito a non prendere decisioni di pancia, concedendo tempo a tutti. Continuano le valutazioni: in fondo gli allenamenti riprenderanno solo martedì prossimo. Però il rapporto tra dirigenza e proprietà è sfilacciato, e per l’estate potrebbero esserci dei cambiamenti.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy