Sky e MediaPro. Duello finale con le paure della Serie A

La tv di Murdoch da domani mattina comincerà a fare tutte le valutazioni per decidere se, come e, nel caso, quanto offrire

di Redazione, @forzaroma

Il giorno dopo la pubblicazione del bando per i diritti tv della A per i prossimi tre anni, scrive Marco Mensurati su La Repubblica, nessuno si sbilancia ma tutti concordano su un punto: questa storia rischia di finire molto male. A inquietare, in particolare sono le tempistiche. I termini per il bando scadono il 21 aprile, il 26 è la data ultima per Mediapro, la società spagnola che a oggi detiene i diritti, per presentare la fideiussione da un 1 miliardo e 300 milioni di euro. Se quel giorno i soldi non dovessero arrivare, la A entrerebbe in uno stato di crisi conclamata, dagli esiti imprevedibili.

Ora la prima mossa spetta a Sky. Che da domani mattina comincerà a fare tutte le valutazioni per decidere se, come e, nel caso, quanto offrire.  Più semplice che la tv di Murdoch presenti un’offerta in linea con quelle dei precedenti bandi impostati da Lega e advisor Infront (entrambi andati male). In quel caso, al di là di quanto offriranno Mediaset ed eventuali nuovi player, sarà molto difficile che il bando porti ad un risultato accettabile per gli spagnoli. A quel punto lo scontro finale sarà inevitabile e in un modo o nell’altro molto sanguinoso. Un duello, anzi, un “triello”, stile Sergio Leone: da un lato Mediapro che, esposto per 1.050 milioni, farà di tutto per dare vita a “Lega Channel”; dall’altro Sky che, pur sostenendo di poter fare tranquillamente a meno del campionato, valuterà ricorsi di ogni genere; in mezzo la Lega di Serie A che, spaccata su tutto come d’abitudine, difficilmente troverà un punto di convergenza proprio sul tema più delicato. Sullo sfondo, mesta, una Serie A, che per evitare il crac finanziario pregherà per un accordo all’ultimo secondo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy