La notte del turnover: è un’altra A

La notte del turnover: è un’altra A

Ben 330 calciatori hanno già disputato almeno una partita dal 1′ in questo inizio stagione: tutti i 20 club hanno alternato almeno 5 titolari diversi mentre la Roma vanta ben 4 giocatori che non hanno saltato neanche un minuto

di Redazione, @forzaroma

Il mercoledì di Serie A cambia i piani degli allenatori, che però possono provare chi non ha trovato spazio e far riposare le loro stelle. Anche se ben 330 calciatori hanno già disputato almeno una partita dal 1′ in questo inizio stagione: come spiega Matteo Pinci a ‘La Repubblica’, significa che tutti i 20 club hanno alternato almeno 5 titolari diversi, quindi metà squadra. Ieri, invece, hanno debuttato 6 calciatori da titolari: Balotelli, Okaka, Pessina, Dawidowicz, Zaccagni e Rabiot. Il Cagliari è la squadra che ha cambiato di più, schierando da inizio stagione ben 20 titolari diversi, così come la Juventus. Roma e Parma, invece, sono le più “conservatrici”, avendo effettuato solo tre variazioni nell’11 iniziale. Ma sono 12 squadre su 20 ad aver modificato di giornata in giornata almeno mezza squadra. Il turnover spingerà Conte a far riposare Lautaro Martinez, Montella Ribery e Ancelotti potrebbe risparmiare Fabian Ruiz e Insigne. Anche il Sassuolo è una squadra che cambia molto, con ben 21 calciatori diversi utilizzati in 4 partite. Uno in meno, invece, per Samp, Genoa e Udinese. Nonostante questo, in tanti sono quelli ‘intoccabili’ che non hanno saltato neanche un minuto: escludendo i portieri, dell’elenco fanno parte i milanisti Romagnoli, Musacchio e Suso, gli interisti Skriniar, Brozovic e Asamoah, i romanisti Cristante, Dzeko, Kolarov e Fazio.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy