Keita: “Con Garcia si era rotto qualcosa. Qui il calcio è più difficile. Totti? Fantastico”

“Chi l’ha detto che me ne andrò da Roma senza trofei? Abbiamo otto punti meno della Juve e sembrano tanti, ma mancano nove partite, possiamo vincerle tutte. Se non è finita non bisogna gettare la spugna”

di Redazione, @forzaroma

Seydou Keita, centrocampista maliano della Roma e sempre più punto fermo di Spalletti, ha rilasciato una lunga intervista sulle pagine di “Repubblica“. Questo uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Keita, due mesi fa lei giocava poco e la Roma faticava, ora le vince tutte: cosa è cambiato?
«La fiducia. Ma è stato decisivo soprattutto il modo di lavorare di Spalletti. Quando le cose vanno male la colpa è dell’allenatore, ora che vanno bene il merito è suo. Vuole che i calciatori facciano quello che lui dice e se non lo fanno diventa caliente, grida. Ma è anche simpatico, ti fa gli scherzi».

Con Garcia cosa s’era rotto?
«Qualcosa di rotto c’era, ma è complicato dire cosa. E quando le cose non funzionano, qui a Roma la pressione è fortissima».

È davvero così difficile Roma?
«In realtà ricordo una cosa bellissima: contro la Samp perdevamo 2-0 e mi hanno espulso. Pensavo che i tifosi mi fischiassero, invece mi hanno applaudito. Se lavori bene la gente lo capisce».

Poi vi hanno fischiato dopo la qualificazione contro il Bate…
«È passato e non possiamo cambiarlo. Ma ora in trasferta vengono a vederci in tre o quattromila. Bisogna guardare avanti, solo così si può vincere».

Lei ha vinto ovunque, dal Lorient al Lens, dal Siviglia al Barça. A Roma rischia di chiudere senza trofei…
«E chi l’ha detto? Abbiamo otto punti meno della Juve e sembrano tanti, ma mancano nove partite, possiamo vincerle tutte. Se non è finita non bisogna gettare la spugna. Non avessimo carattere non ne avremmo vinte otto di fila. E nessuna era facile».

Le coppe dicono però che il calcio italiano è in crisi…
«Ho giocato in Spagna, Francia, ma il campionato più complicato è il vostro».

Come capirà quando sarà ora di smettere?
«Con questo lavoro sono diventato una persona migliore. Posso solo ringraziare Dio. Ma senza calcio non morirò, finito quello inizierà un’altra vita. Ora sto bene ma a fine anno potrei anche smettere».

E Totti dovrebbe smettere?
«Francesco è fantastico, ha dato la sua vita alla Roma. Qui la gente fa troppo rumore per nulla. A me piace il calcio, parliamo di quello».

(M. Pinci)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy