Un Romanista in Commissione

di Redazione, @forzaroma

(Il Romanista – M.Izzi) – Alle ore 12 di ieri è stata presentata la “Hall of fame” dell’AS Roma, iniziativa presentata con dovizia di particolari.

Per il sottoscritto l’occasione di raccontare le emozioni vissute come membro della commissione (Luigi Ferrajolo, Gianfranco Giubilo, Mario Sconcerti e il Maestro Ennio Morricone ne sono i protagonisti) che è stata incaricata di esprimere le 11 cinquine che verranno sottoposte all’attenzione e al voto dei tifosi giallorossi. E’ stato un grande onore, di più, un privilegio che ho accolto come un’opportunità unica e irripetibile. Mettendo piede a Trigoria ho ripensato agli Anni 80. Allora andavo al “Fulvio Bernardini” a ritirare l’abbonamento, perché la sede giallorossa era l’unica abilitata al rilascio del prezioso lasciapassare per l’Olimpico. Gli ultimi tre chilometri non erano serviti dagli autobus e in alcune occasioni “me li facevo” a piedi. Pericolosetto, tanto che fu proprio Dino Viola, questo me lo confidò la signora Flora, vedendo tanti ragazzi che compivano quel tragitto a iniziare a muovere i passi per sollecitare l’ATAC a decidere di destinare una linea al piazzale che oggi porta il nome del grande presidente del secondo scudetto. Sempre nel 1983 mentre eravamo in marcia per raggiungere lo sportello abbonamenti, sentii uno dei due tifosi che erano davanti a me dire: «Che forza, è una Mercedes 240». Mi girai e vidi al volante Carlo Ancelotti. Qualcuno urlò: “Ao’ c’è er bimbo” e lui ci fece segnò con la mano con quel sorriso aperto e cordiale che non ha mai perso. Ecco, per me Trigoria è soprattutto il ricordo di quegli anni. In seguito ci sono tornato in alcune occasioni, come nel 2009 quando stavo realizzando il libro dedicato a Giorgio Rossi.

Nel marzo del 2010 (e di questo debbo ringraziare una volta di più Fabrizio Grassetti), fui tra i relatori del seminario sulla storia della Roma tenuto all’Aula Magna della Sapienza che in quel giorno si fregiava di un meraviglioso ritratto di Italo Foschi. Eccomi dunque alla fine di questo viaggio nella sala Trofei della Roma, dove ci è stato sottoposto lo statuto della Hall of fame e dove ci è stata spiegata la finalità e la filosofia di questa iniziativa. E’ bella la sala trofei della Roma, di una semplicità disarmante, con un enorme tavolo da riunioni e in fondo, dominante, la Coppa Coni, il primo trofeo conquistato dal club. In una teca, allineate una dietro all’altra le tre coppe dello scudetto. E ancora le miniature delle coppe conquistate … insomma parlare di storia in questo contesto fa un certo effetto, difficile da spiegare. Per quanto riguarda la scelta materiale delle cinquine che saranno sottoposte alla scelta dei tifosi, posso solamente dire che la discussione è stata approfondita ed estremamente ponderata. Ciascuno ha cercato di mettere in evidenza le proprie ragioni mostrando attenzione alle argomentazioni degli altri presenti. Va da sé, ma questo lo ha rimarcato anche l’AS Roma che tutti coloro che hanno vestito la maglia della Roma, anche per una sola gara, meritano di essere ricordati e custoditi nel cuore degli appassionati giallorossi. Tengo inoltre a dire che lo sforzo della commissione è stato quello di raggiungere una sintesi tra i protagonisti di tutti i decenni giallorossi, anche quelli più lontani dall’attualità. Una difficoltà oggettiva, senza dubbio, è stata quella di affiancare a determinati numeri di maglie, calciatori il cui ruolo di riferimento, nel corso dei decenni, ha subito un’evoluzione se non addirittura una trasformazione radicale

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy