Sceicco di Roma: Pallotta ci spera, la banca frena

di finconsadmin

(Corriere della Sera – L. Valdiserri) – La deadline ? stata fissata per il 14 marzo, ma il ?dentro o fuori? per lo sceicco Adnan Adel Aref al Qaddumi al Shtewi potrebbe essere accelerato. L’indiscrezione filtra da fonti legate alla cordata bostoniana guidata da James Pallotta, in cerca di un partner da far entrare nella As Roma. La due diligence degli americani ha assicurato l’esistenza del fondo di investimento (il Philadelphia Capital?) ma al Qaddumi deve ancora mettere sul tavolo le garanzie definitive sulla sua disponibilit? ad attingere al fondo. Un dettaglio fondamentale per il closing, che lascia aperta qualsiasi soluzione.

La quota di ingresso ? gi? stata fissata: 5o milioni di euro, che in un secondo tempo potrebbero essere rimpinguati con una seconda e importante tranche. Una liquidit? che farebbe molto comodo a Pallotta e che spiega perch? i bostoniani abbiano seguito con costanza, ai confini della testardaggine, il possibile nuovo socio anche se, nei giorni scorsi, sono usciti particolari sullo sceicco che hanno preoccupato i tifosi. […]

Pallotta, per?, resta convinto: se arriveranno le garanzie, lo sceicco entrer? nella Roma. Tutto da capire, in questo caso, come potranno convivere tre ?anime?. I rapporti tra americani e Unicredit non sono pi? quelli di prima. Quelli tra Pallotta e al Qaddumi sono di difficile lettura. Secondo il comunicato uscito nei giorni scorsi, su richiesta della Con-sob, i pieni poteri resteranno a Pallotta. Ma perch? al Qaddumi dovrebbe investire e non comandare?

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy