Roma, prima caduta in campionato. Basta Badelj a far felice la Fiorentina

La squadra di Spalletti assaggia la seconda sconfitta in stagione. Lo scorso anno, sotto la guida del toscano, ne erano arrivate solo tre: due con il Real Madrid, una con la Juventus

di Redazione, @forzaroma

Nella partita tra Fiorentina e Roma succede tutto negli ultimi minuti e gira tutto in favore dei viola. Nainggolan colpisce in pieno il palo al 10′ dalla fine, Badelj fa lo stesso all’azione successiva ma il pallone finisce dentro la porta difesa da Szczesny. C’è un particolare: Kalinic apre le gambe per far passare il pallone ed è nettamente in posizione di offside, ma nessuno se ne accorge, così come nella prima parte di gara l’arbitro Rizzoli giudica involontaria la «tamponata» di Tomovic su Dzeko che era invece da sanzionare con il calcio di rigore. Forse ora lo scetticismo nei confronti dei giallorossi sui rigori concessi si sta facendo sentire.

La squadra di Sousa vince 1-0 ed è una vittoria importante per i gigliati, perché li rilancia in campionato e dà consapevolezza al portoghese di poter tenere testa a una delle migliori squadre della Serie A. Un brusco stop, invece, per i giallorossi, anche se immeritato per quello che si è visto in campo. La Roma non raggiunge il Napoli in vetta alla classifica e non supera la Juventus, sconfitta a San Siro dall’Inter. Attaccarsi alla sfortuna o agli errori arbitrali non aiuta nessuno. Nella scorsa stagione Spalletti ha perso 3 partite in 21 disputate: 2 in Champions League, agli ottavi contro il Real Madrid e 1 contro la Juventus schiacciasassi. In questa stagione le sconfitte sono già 2 in sole 7 gare: contro il Porto (eliminazione dal preliminare di Champions League) e contro la Fiorentina. E le vittorie sono solo 2, contro Udinese e Sampdoria, con 3 pareggi (Porto, Cagliari e Plzen).

La prima frazione della partita del Franchi è stata completamente a favore dei giallorossi, che dominano il possesso della palla e mandano spesso in porta Dzeko, che spreca più di un’occasione. La Fiorentina si rende pericolosa solo in contropiede con Ilicic. Un po’ troppo poco. I viola, però, crescono nella ripresa e tengono testa alla Roma. Il finale, invece, risulta pirotecnico: un concentrato di emozioni, sicuramente maggiori della qualità del gioco. Badelj realizza con l’aiuto del fuorigioco di Kalinic dopo il palo di Nainggolan. Il gol del croato è la dimostrazione che solo la moviola in campo può chiarire certe situazioni. Ma questo è un altro discorso e la Fiorentina non c’entra nulla. Si è presa i 3 punti a discapito della Roma e ha fatto, giustamente, festa.

Luca Valdiserri

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy