Poker d’assi: Lukaku trova Dzeko, Immobile sfida CR7

Poker d’assi: Lukaku trova Dzeko, Immobile sfida CR7

Nel weekend ad alta tensione scontri di vertice tra i bomber delle prime quattro della Serie A

di Redazione, @forzaroma

La sfida dei maestri del gol è un incrocio pericolosissimo nella lotta scudetto e Champions, scrive il Corriere della Sera. In un weekend di fuoco si scontrano le prime della classe e si affrontano quattro assi dell’area di rigore. È la prova degli attacchi: quello mostruoso della Lazio, con il capocannoniere Ciro Immobile, contro la Juventus guidata da Cristiano Ronaldo, e quello dell’Inter del gigante Romelu Lukaku di fronte alla Roma dell’eterno Edin Dzeko. Antonio Conte ha inseguito il bosniaco un’estate: doveva essere il primo acquisto, non è stato neppure l’ultimo. A 33 anni il, bosniaco cercava un’ultima avventura, ha preferito restare dov’era. Da quasi mal sopportato è diventato uomo simbolo e capitano di fatto. Ha segnato 6 reti (non tantissime), ma fatto segnare molto, soprattutto i giovani: Zaniolo, Kluivert, Pellegrini. Conte lo voleva perché non è un centravanti d’area, oggi gioca ancora più fuori d’un tempo, al servizio della squadra, va a lavorare palloni sulle fasce per aprire spazi al centro. In modo molto simile a Lukaku che ha segnato di più (10 reti in campionato), ma che come il bosniaco è l’uomo su cui poggia e s’appoggia il gioco dell’Inter. I due avrebbero dovuto essere la strana coppia, un esperimento calcistico mai nato.

Il non arrivo di Dzeko ha però spalancato le porte a Lautaro Martinez,  5 gol in Champions. Merito anche di Lukaku. L’acquisto più pagato della storia interista (75 milioni) sfida Dzeko, sempre se il bosniaco riuscirà a superare la febbre e a essere in campo a San Siro domani. All’Olimpico i biancocelesti il giorno dopo faranno una sorta di stress test alla Juventus, ma anche alla loro reale capacità di sopportare la pressione, per provare dopo anni a diventare una squadra compiuta. La Lazio però ha un mostro in attacco: Ciro Immobile. L’attaccante, con i 17 gol realizzati,  è il terzo giocatore nella storia della serie A a realizzare almeno 17 gol nelle prime 14 gare stagionali di campionato. La Lazio gioca per lui. Bisognerà vedere come Immobile se la caverà contro Ronaldo. CR7 è nella sua versione più cupa, dopo le sostituzioni di Sarri, gli appena 6 gol segnati fin qui in serie A e un fastidioso e innegabile appannamento.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy