La Roma sogna il derby in notturna e il via allo stadio

Il Viminale non esclude un Lazio-Roma sotto i riflettori, ritornando così all’antico. Solo due degli ultimi otto derby non sono stati giocati alle 15

di Redazione, @forzaroma

I discorsi dei tifosi giallorossi negli ultimi due giorni si sono concentrati sul futuro derby di Coppa Italia (1 marzo), sul problema delle barriere in curva Sud e sulla telenovela del nuovo stadio che dovrebbe sorgere a Tor di Valle. Cresce l’ottimismo, come scrive Luca Valdiserri sul Corriere della Sera, di poter di nuovo vedere un derby in notturna, alle 20,45 o addirittura alle 21. Il Viminale non esclude un Lazio-Roma sotto i riflettori, ritornando così all’antico.

Servono alcune verifiche ma, anche per la felicità della Rai, che con la Coppa Italia sta avendo eccezionali risultati di audience, il clima tra Lega calcio e autorità sembra promettente. C’è ottimismo anche sul superamento del problema delle barriere in curva Sud.

Resta complessa la questione del nuovo stadio. Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è rimasto deluso dalla tempistica del parere negativo del Comune sul progetto: «Sono colpito da quello che si può anche raccontare come uno sgarbo, non istituzionale ma al sistema: è stata chiesta la proroga di 30 giorni della Conferenza dei servizi e la mattina dopo è arrivato il parere negativo al progetto. Mi riesce difficile comprendere ciò che sta avvenendo. Ora la Conferenza acquisirà tutti i pareri, ma non sulla base delle intenzioni o degli auspici, bensì su quella base degli atti amministrativi».

Dal Comune hanno precisato: «Nel periodo di sospensione della Conferenza dei servizi si approfondiranno i temi illustrati nel parere. Come già ribadito, ci sono tutti i margini per concludere positivamente la procedura».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy