Il volo della Roma

La sfida con la Spal bussa alla porta di Di Francesco tre giorni prima della semifinale di andata contro il Liverpool. La differenza di appeal tra le due gare la vede un cieco. La differenza di importanza, invece, è tutta da dimostrare

di Redazione, @forzaroma

Arrivare tra le prime quattro di Coppa dei Campioni, un tempo, a Roma valeva una statua equestre. Adesso ti battono le mani, ma ti chiedono anche di arrivare almeno tra le prime quattro in campionato, scrive “Il Corriere della Sera”. Spal-Roma bussa alla porta di Eusebio Di Francesco tre giorni prima della semifinale di andata contro il Liverpool. La differenza di appeal tra le due gare la vede un cieco. La differenza di importanza, invece, è tutta da dimostrare.

La partecipazione alla prossima Champions è il guadagno che può esserci o non esserci, trascinando con sé una reazione a catena: sul calciomercato, sul fronte sponsor (ormai in dirittura di arrivo Turkish Airlines come main e Hyundai per il retro della maglia), sul gradimento di grandi giocatori, sull’impatto con il proprio pubblico. La volata per il terzo/quarto posto è un mini campionato con tre squadre (Roma e Lazio 64 punti; Inter 63) e cinque partite da giocare. Non c’è spazio per gli errori, anche se la Roma ha un piccolo vantaggio: lo scontro diretto tra Lazio e Inter all’ultima giornata. Quanto peserà, però, la fatica delle due gare contro il Liverpool? L’effetto si è già visto con le convocazioni per la Spal (fuori Kolarov, al suo posto uno tra Jonathan Silva e Luca Pellegrini, in ogni caso un esordiente in campionato) e si vedrà con la formazione di oggi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy