Fonseca l’intruso: ha messo la Roma in mano a Miki

Il portoghese tra i primi quattro della Serie A, in mezzo agli italiani Pioli, Conte e Pirlo

di Redazione, @forzaroma

In mezzo ai tre allenatori italiani che hanno masticato la serie A anche da calciatori (Pioli, Conte e Pirlo), c’è l’intruso: il portoghese Paulo Fonseca con la sua Roma. Il tecnico ha saputo adattarsi: Fonseca aveva vinto tre scudetti consecutivi con lo Shakhtar Donetsk e pareggiò 3-3, in casa contro il Genoa, la sua prima partita in Serie A: difesa a 4, terzini altissimi, tanti spazi lasciati all’avversario. Adesso gioca con la difesa a tre, scrive Luca Valdiserri sul “Corriere della Sera”. Predicava l’importanza del possesso palla e ora preferisce spesso lasciare la sfera agli altri in cambio di spazi da riempire con le incursioni di Mkhitaryan, Pellegrini, Pedro, Veretout e Spinazzola, orchestrati dalla sapienza di Dzeko nel giocare un po’ da 9 e un po’ da 10. Dire che si è “italianizzato” sarebbe da presuntuosi, come se il nostro calcio fosse a prescindere migliore degli altri. Però è certo che Fonseca prepara ogni partita nei minimi dettagli. La tattica, per lui, non è sinonimo di debolezza ma di intelligenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy