Dzeko, chance per il riscatto: «Serve un vero centravanti»

Al «Bernabeu» il centravanti bosniaco ha già segnato col Manchester City, farlo di nuovo darebbe alla Roma una speranza di compiere un’impresa e lo rilancerebbe di prepotenza nel presente, ma anche nel futuro

di Redazione, @forzaroma

Questa sera Edin Dzeko tornerà in campo da titolare. Stavolta non si possono fare calcoli e c’è da ribaltare una situazione fortemente compromessa dallo 0-2 dell’andata: in tutta la sua storia la Roma è riuscita solo 7 volte a vincere con 3 reti di scarto nelle coppe europee, e per questo ci sarà bisogno di mettere in campo l’artiglieria pesante. «Dzeko – le parole di Spallettipotrebbe partire dall’inizio, perché è un calciatore che forza le situazioni. Ha caratteristiche un po’ diverse dalle scelte tattiche fatte ultimamente ma, pensando alla partita, il Real giocherà in maniera più chiusa e Edin ha più possibilità di darci una mano».

Appena arrivato a Trigoria, Spalletti dichiarò che se avesse potuto scegliere un numero nove per la sua squadra avrebbe voluto proprio il bosniaco. Poi, però, ha preso decisioni differenti, scrive Gianluca Piacentini su “Il Corriere della Sera”. Dopo la doppietta realizzata al Palermo è finito per due volte consecutive in panchina: stasera avrà l’occasione per riscattarsi. Al «Bernabeu» ha già segnato col Manchester City (il 18 settembre 2012, in campo c’era anche Maicon), farlo di nuovo darebbe alla Roma una speranza di compiere un’impresa e lo rilancerebbe di prepotenza nel presente, ma anche nel futuro.

Serata ancora più particolare invece per Francesco Totti: quella di stasera potrebbe essere l’ultima apparizione in Champions del capitano. Certo dipenderà da come andranno le cose sul campo, ma è facile immaginare che Spalletti concederà a Totti la possibilità di ricevere gli applausi del pubblico madridista, che per almeno un decennio ha sperato di vederlo con la camiseta blanca.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 5 anni fa

    La Roma ha compromesso la qualificazione all’andata, complice anche una buona dose di sfortuna, non è stasera che si deve cercare l’impresa
    Quanto a Dzeko, credo che questa per luisia davvero l’ultima possibilità
    E’ vero che la situazione è disperata, le possibilità di qualificarsi sono ridotte al lumicino e che non è giusto affidare a lui il peso di un’impresa quasi impossibile, ma mi aspetto quantomeno quel salto di qualità che da parte sua, dopo sette mesi, ancora non si è visto.
    Spalletti non è Garcia, lui la chance te la dà, ma se sbagli paghi, ed è giusto così.
    Mi sembra che si stia ripetendo la storia di Iturbe, che andava aspettato all’infinito, quando gente come El Sharaawy e Perotti, arrivati l’altro ieri tra lo scetticismo dell’assurda piazza romana, stanno già facendo scintille.

    Per stasera periamo bene, spero soprattutto che venga evitata l’ennesima imbarcata, sarebbe già molto uscire dignitosamente; la mia speranza è che la Roma ci provi lo stesso, senza timori reverenziali a prescindere, come ho già visto tante, troppe volte in questi anni, anche con Lucianone in panchina
    Forza Roma comunque andrà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. encat - 5 anni fa

      la Roma esce a testa alta, ma per il bosniaco è stato l’ennesimo flop, spero quello definitivo.
      Ora testa al campionato e si faccia la corsa sul Napoli, archiviando in fretta questa brutta serata

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy