Di Francesco apre gli occhi: “Sbandata che preoccupa”

Il tecnico: “Non possiamo essere tranquilli per il risultato, ci aspettavamo un’altra partita e prestazione, ci siamo disuniti nel secondo tempo e la cosa mi meraviglia”

di Redazione, @forzaroma

Le braccia larghe, quasi in segno di resa, l’espressione del volto che è tutto un programma: è l’ultimo ad arrendersi, Eusebio Di Francesco, scrive Gianluca Piacentini sul Corriere della Sera, ma la sconfitta di ieri sera contro il Milan è un colpo durissimo per i suoi programmi di rivincita, dopo il passaggio a vuoto contro lo Shakhtar.

L’analisi di Di Francesco è durissima. “Nel primo tempo abbiamo disputato una buona gara, non concedendo nulla al Milan, siamo stati poco bravi in alcune giocate: sono preoccupato perché dopo il gol siamo svaniti. Campanello d’allarme? Non possiamo essere tranquilli per il risultato, ci aspettavamo un’altra partita e prestazione, ci siamo disuniti nel secondo tempo e la cosa mi meraviglia”.

Ancora una volta è mancata la personalità. “Ci siamo fatti sorprendere con troppa facilità, il calcio è fatto da episodi e noi dobbiamo portarli dalla nostra parte, se si va sotto si deve avere la forza di reagire. Schick in alcune occasioni ha lavorato bene e in altre no, nel complesso non ha determinato come avremmo voluto ma non è una bocciatura: volevamo dare un po’ di riposo mentale e fisico a Dzeko”.

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 3 anni fa

    questo dopo due mesi e mezzo di crisi casca ancora dal pero…ma basta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy