Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie rm

Roma-Como 2-1, le giallorosse volano in semifinale di Coppa Italia

Getty Images

Spugna soddisfatto delle sue, "anche se non mi piace prendere schiaffi per entrare in partita".

Redazione

Una gara quasi senza storia, quella del Tre Fontane di oggi. La Roma di Alessandro Spugna risponde subito allo svantaggio iniziale contro il Como, firmato da Vlada Kubussova, e va negli spogliatoi con il risultato ribaltato grazie alle reti di Emilie Haavi e Valeria Pirone, che in otto minuti conquistano la semifinale di Coppa Italia contro l'Empoli. Una semifinale che era già stata messa in saccoccia all'andata, in trasferta, il 29 gennaio, partita in cui le ragazze giallorosse avevano battuto le padrone di casa per 3-0. Il prossimo turno sarà nel weekend tra il 12 e il 13 marzo in Toscana, e tra il 30 aprile e il primo maggio a Roma.

Il mister Spugna commenta poi la partita: "Sapevamo che loro sarebbero venute a giocarsela, tranquillamente. È normale che un minimo di rilassamento ci può stare, anche se avevo chiesto alle ragazze di non averlo. Non siamo partite benissimo, ma poi l’abbiamo ripresa, abbiamo vinto, creato diverse occasioni, avremmo potuto fare più gol", ha detto l'allenatore della Roma femminile. "Dobbiamo migliorare. Sarebbe potuta essere una partita più tranquilla. Però godiamoci questo momento, è un bel momento, siamo in semifinale di Coppa Italia, seconde in campionato. Ora c’è la sosta”.

Alle ragazze sembra che serva prendere uno schiaffo per entrare in partita: “Sì, non mi piace. Io credo che l’approccio determini molto lo svolgimento della gara. Oggi l’approccio è stato più sereno. Ma vanno fatti i complimenti alle nostre avversarie, è una squadra di valore, merita la classifica che ha in Serie B e merita di giocare la prossima Serie A”, ha risposto ancora Spugna che ha commentato anche il fatto che abbiano trovato minuti anche giocatrici poco impiegate nell'ultimo periodo: “Sì, si stanno inserendo bene. È stata un’occasione per vederle. È importante dare minutaggio a queste giocatrici. Ora ci sarà bisogno di tutte per andare avanti su questo trend”.

A fine partita ha parlato anche Beata Kollmats, oggi all'esordio da titolare: “È positivo per me aver giocato tutta la partita. Sono qui da poco e ancora sto prendendo confidenza con le compagne. Mi sto inserendo sempre di più giorno dopo giorno. Ora ci sarà la sosta e per me sarà un’occasione per concentrarmi ancora di più sul lavoro con lo staff e con le compagne che resteranno. Il Como è una buona squadra, ce lo aspettavamo. Abbiamo concesso un gol nei minuti iniziali ma abbiamo dimostrato mentalità rimontando già nel primo tempo. Abbiamo vinto la partita e siamo felici”.