Primavera, De Rossi: “Pareggio che serve a poco”. Silipo: “Possiamo vincere lo scudetto”

Primavera, De Rossi: “Pareggio che serve a poco”. Silipo: “Possiamo vincere lo scudetto”

Le parole del tecnico dopo il pareggio con la Samp: “Nervosi per parte della gara, ma la bella notizia sono i rientri di Calafiori e Bouah”

di Redazione, @forzaroma

Quarto pareggio consecutivo per la Primavera, che a Bogliasco non va oltre lo 0-0 contro la Sampdoria. A fine partita hanno parlato a Roma TV alcuni dei protagonisti giallorossi. Il primo è Alberto De Rossi, ecco le sue parole.

Partita difficile, ma nel finale le occasioni per sbloccarla. 
Una partita che potremmo dividere in tre parti: all’inizio abbiamo palleggiato bene e tenuto il campo bene. Poi sono venute fuori le qualità dei nostri avversari, sapevamo di affrontare una squadra forte anche se si trova in quella posizione. Lì hanno chiuso tutti i varchi e ci siamo innervositi, la seconda parte del primo tempo e la prima del secondo sono state negative. Gli innesti hanno dato lucidità, qualcosina meritavamo ma nel computo questo pareggio ci sta ma ci facciamo veramente poco.

Errori di impostazioni non abituali. 
Sì, nella seconda parte del primo tempo. Ci siamo fatti innervosire dalla disposizione degli avversari, che erano molto concentrati. Non è la prima partita che subiamo l’organizzazione difensiva degli avversari: bisogna essere sereni, giocare e palleggiare, senza perdere di autostima.

Il ritorno di Bouah e Calafiori è una buona notizia. 
Ritrovarli insieme è stato un bel vedere. Sono due giocatori che hanno sofferto molto, ce li godremo, si stanno allenando con noi e cercheremo di inserirli.

Ora bisogna ripartire: servono sei punti con Juventus e Udinese. 
Abbiamo l’obbligo e il piacere di giocare bene e vincere. Queste sono le partite più importanti, sono quelle dove ti formi a livello tecnico, perché non puoi sbagliare visto che non c’è un millimetro per far passare la palla. Mentalmente bisogna essere lucidi per sopperire alla pressione e oggi l’abbiamo fatto parzialmente.

Dopo il tecnico è stato il turno di Silipo, che nel finale ha colpito anche un palo. Queste le sue parole.

Peccato per il palo. 
Ci ha detto male, abbiamo avuto anche occasioni con Celar e Riccardi. Siamo dispiaciuti, pensiamo ai tre punti con la Juventus.

Avete cambiato voi il volto della Roma, cosa è mancato?
Noi siamo entrati e abbiamo dato il massimo come sempre, abbiamo provato ad aiutare la squadra in un momento di difficoltà perché non c’erano gli spazi giusti. Abbiamo giocato comunque una grande partita.

Hanno la miglior difesa del torneo.
Sono una buona squadra, noi anche abbiamo buoni numeri in difesa, centrocampo e attacco.

Hai fatto vedere le tue qualità.
È stato un anno difficile, ma ringrazio il mister per la fiducia. Ho dato il massimo.

Ora il momento decisivo, hai deciso con l’Under 17 le finali dell’anno scorso. 
Speriamo di arrivare in fondo e vincere lo scudetto come l’anno scorso.

Con la Juventus bisogna tornare al successo. 
Dopo quattro pareggi i tre punti sarebbero fondamentali per arrivare terzi in classifica.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy