Spal, Semplici: “Con la Roma serve la partita perfetta. Abbiamo rispetto ma non timore”

Spal, Semplici: “Con la Roma serve la partita perfetta. Abbiamo rispetto ma non timore”

Il tecnico presenta la sfida dell’Olimpico: “Paloschi può partire titolare, ma Petagna ha caratteristiche uniche”

di Redazione, @forzaroma

Partita al limite del proibitivo per la Spal, che domani è attesa all’Olimpico dalla Roma di Di Francesco. Il club di Ferrara è reduce dalla sconfitta contro l’Inter in casa, domani per il tecnico Semplici servirà qualcosa di più per provare a strappare punti ai giallorossi: “Se con l’Inter abbiamo fatto bene, con la Roma dovremo provare a fare la partita perfetta.I giallorossi sono una delle squadre migliori del campionato, soprattutto sulle palle inattive. Ho molto rispetto, ma nessun timore. La gara contro l’Inter ci ha dato certezze indipendentemente dal risultato e così dovrà essere anche domani. Bisogna dare continuità alle prestazioni, altrimenti diventa difficile fare punti. Dovremo essere convinti che siamo sulla strada giusta”.

C’è emergenza in difesa.
Djourou è indisponibile per un problema alla caviglia. Effettivamente in difesa siamo un po’ in emergenza, quindi ci sarà qualche cambiamento nel reparto arretrato, ma non solamente lì. Domani deciderò chi potrà essere della gara a secondo di quello che ho visto negli ultimi giorni. Chi è in vantaggio tra Bonifazi e Simic? Possono giocare entrambi a sinistra, forse il croato potrebbe fare più fatica per alcune caratteristiche. In più i nazionali sono rientrati solamente ieri e bisognerà valutarne le condizioni mentali e fisiche. Sia Gomis che Fares hanno affrontato un lungo viaggio di ritorno.

Su Paloschi.
Alberto è un attaccante importante per noi e lo considero un titolare al pari di tutti gli altri anche quando parte dalla panchina. Queste sue recenti prestazioni rendono merito al suo impegno e potrebbe partire dal 1′, è una situazione che prendo in considerazione così come tante altre.

La formazione?
Sceglieremo la squadra in base al momento che stiamo vivendo, cercando di capire quali garanzie mi danno in allenamento i giocatori che ho a disposizione. Ovviamente il valore degli avversari verrà preso in considerazione, ma non peserà sulle scelte. Noi pensiamo partita dopo partita a seconda delle esigenze.

Su Petagna.
Turno di riposo? Sto valutando anche una possibile soluzione con Antenucci e Paloschi, ma per caratteristiche, nonostante Floccari si stia avvicinando ad una buona condizione, Petagna è unico in questa squadra. Il suo eventuale turno di riposo verrà valutato partita dopo partita.

Le scelte a centrocampo.
Non è detto che con Valoti in campo la squadra sia più offensiva e con Everton il contrario. Il brasiliano mi dà tante soluzioni offensive, anche se per caratteristiche risulta più utile in fase di non possesso, ma non ci sono grosse differenze tattiche. Per me sono abbastanza similari per certi versi e la nostra partita non cambia in seguito a questa scelta. Anche contro l’Inter, seppur in svantaggio, ho inserito Everton al posto di Valoti, ma solo perché Mattia non ce la faceva più, e questo lo spettatore non lo sa, eppure abbiamo continuato ad attaccare. Everton da quando è arrivato ha fatto enormi passi in avanti, sta diventando importante per la squadra ma soprattutto per il gruppo ed è sempre più apprezzato il lavoro che fa.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy