Euro 2016, sabato i sorteggi in una Parigi blindata

In occasione dei sorteggi di Euro 2016, oltre a perquisizioni e filtri agli ingressi l’Uefa ha chiesto ai giornalisti di arrivare al Palais de Congres con forte anticipo viste le necessità imposte dallo stato di emergenza

di Redazione, @forzaroma

Un mese dopo l’attacco terroristico, Parigi è blindata e vige ancora lo stato d’emergenza. La Francia ospiterà i prossimi Europei di calcio 2016 ed il primo atto della manifestazione continentale (i sorteggi) sta per andare in scena. Dirigenti, allenatori e grandi personaggi del calcio invitati alla kermesse del Palais de Congres, fra Parigi e il quartiere degli affari della Defense, come riporta l’Ansa, dovranno sottoporsi a misure straordinarie di sicurezza. Proprio il tema dell’organizzazione degli europei, sarà dominante sabato. Se ne parlerà soprattutto al comitato esecutivo UEFA che terrà la sua ultima riunione dell’anno nel vicino hotel Shangri-La nella prima parte della giornata. Alle 16 è prevista una conferenza stampa alla presenza di Jacques Lambert, presidente del comitato organizzatore di Euro 2016, e del segretario generale dell’UEFA, Gianni Infantino. In sospeso la presenza di Michel Platini, dal momento che la decisione su una possibile sospensione della squalifica di 90 giorni dovrebbe arrivare venerdì pomeriggio. Nelle ore drammatiche dopo gli attentati, alcune voci si erano levate per chiedere l’annullamento della Conferenza mondiale sul clima, la COP 21, che si svolge in questi giorni a Le Bourget, vicino all’aeroporto Charles de Gaulle e qualcuno aveva ipotizzato di poter cancellare l’organizzazione degli europei. Un’eventualità subito scartata, anche se Lambert ha precisato che «ci sono dei miglioramenti da fare, degli insegnamenti da trarre da quanto successo allo Stade de France. Non bisogna mai pensare di essere perfetti. Decideremo, ma soltanto dopo che i servizi di sicurezza del ministero dell’Interno avranno concluso la COP 21, che è una priorità. Abbiamo ancora sei mesi di lavoro davanti a noi – ha aggiunto Lambert – è molto. Ma bisogna procedere con serenità, non farsi prendere dalla precipitazione». Intanto, giro di vite sulla sicurezza della cerimonia stessa del sorteggio: oltre a perquisizioni e filtri agli ingressi – come ormai in ogni luogo pubblico della capitale francese – l’Uefa ha chiesto ai giornalisti di arrivare al Palais de Congres con forte anticipo viste le necessità imposte dallo stato di emergenza.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy