AIC, Calcagno: “Calciatori disposti ad andare in ritiro per due settimane, resta il problema quarantena”

AIC, Calcagno: “Calciatori disposti ad andare in ritiro per due settimane, resta il problema quarantena”

Il vicepresidente dell’Assocalciatori: “E’ impensabile che tra oltre 500 giocatori non esca un positivo nei prossimi mesi”

di Redazione, @forzaroma

Il protocollo proposto dal Comitato Tecnico Scientifico per la ripresa del campionato ha fatto discutere il mondo del calcio. Il vicepresidente dell’AIC, Umberto Calcagno, ha voluto esprimere la propria opinione ai microfoni di Radio Punto Nuovo evidenziando alcune criticità del piano del CTS per la ripartenza della Serie A. Queste le sue parole:

I calciatori sono disposti ad andare in ritiro, per quelle due settimane che erano state concordate. Il problema resta la questione della quarantena. E’ impensabile che tra oltre 500 calciatori non esca un positivo nei prossimi mesi“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy