Totti: “Roma divertente, ora è da Champions. Futuro? Farò lo steward…” – VIDEO

Totti: “Roma divertente, ora è da Champions. Futuro? Farò lo steward…” – VIDEO

Queste le parole dell’ex capitano romanista: “I ritocchi sul mercato daranno il loro contributo. Bisognerebbe prevenire gli infortuni”

di Redazione, @forzaroma

Francesco Totti torna a parlare di Roma. Intercettato nel proprio centro sportivo alla Longarina, l’ex capitano giallorosso ha parlato durante la Totti Padel Cup, evento sportivo che ha richiamato professionisti della disciplina e volti noti del mondo del calcio. Queste le sue parole:

Francesco, un grande evento di padel con tanti amici…
“Un bell’evento sì, una giornata diversa dal solito, con tanti amici e professionisti. Una giornata davvero diversa ma quando c’è lo sport è sempre bello”.

Abbiamo visto Di Biagio, Corradi e tanti ex campioni. Chi è il più forte tra di voi?
“Escluso me! (ride n.d.r.). Ce ne sono molti che giocano bene. L’importante è il divertimento”.

Anche la Roma ieri ha giocato bene e si è divertita: come l’hai vista?
“Ci siamo divertiti soprattutto nel primo tempo con tante occasioni da gol. E’ normale che se giocasse sempre così sarebbe tutto più facile, ma il campionato è ancora lungo. Godiamoci questa vittoria, soprattutto perché già si parlava di crisi due settimane fa dopo le prime giornate di campionato. Dopo una vittoria qui a Roma si diventa tutti più bravi, ma adesso invece bisogna stare con i piedi per terra e ‘camminare’ come domenica”.

L’ultima volta avevi detto che mancavano degli acquisti puntare alle prime quattro posizioni. Gli acquisti sono poi arrivati: ora dove la piazzi la Roma?
“Sempre in alto, tra le prime quattro, anche perché questi 2-3 acquisti di grande livello possono dare un forte contributo a una squadra che lo era già. Serviva soltanto qualche ritocco”.

E’ un periodo in cui si parla molto di infortuni: la scorsa stagione 52 stop muscolari e adesso siamo già a 6. Anche la Juve ne ha subiti due: come si previene secondo te?
“Come si dice prevenire è meglio che curare, ma non è facile andare contro natura a volte. Si possono dare mille spiegazioni, dai campi alle troppe partite, per non parlare dei viaggi all’estero o in Italia. Ci possono essere davvero molte motivazioni. Devi poi essere fortunato che i giocatori facciano una vita sana e che siano sempre pronti per le partite”.

Sei andato in Russia, andrai in Cina e poi in Argentina: ci sveli il tuo nuovo ruolo?
“Lo steward! (ride ndr)”.

De Rossi quando lo andrai a trovare?
“Presto, adesso mi fa sapere”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy