Spinazzola: “Roma, sono cresciuto per la difesa a tre e perché gioco a sinistra”

Le parole dell’esterno: “Da dopo il lockdown fisicamente mi sono sentito sempre bene”

di Redazione, @forzaroma

La Roma vince grazie anche a un’altra ottima prestazione di Leonardo Spinazzola. L’esterno ha parlato al termine del match. Le sue parole:

SPINAZZOLA A ROMA TV

Tre punti, finalmente…
Giusto perché contro il Verona sappiamo che non avevamo i tre punti. Contro la Juve meritavamo. Questa l’abbiamo sofferta di più ma alla fine abbiamo trovato i tre punti, che sono ottimi. Adesso c’è la sosta.

Rendimento altissimo, hai lavorato mentalmente per questo nuovo inizio?
Non ci siamo mai fermati, da dopo il lockdown fisicamente mi sono sentito sempre bene. Ho lavorato da casa e ancora me lo ritrovo adesso il lavoro che ho fatto. Adesso spero di continuare così, mi sento sempre meglio. Speriamo di fare sempre meglio.

Ti senti più Italo o FrecciaRossa?
Trenitalia, Regionale (ride, ndr)

Dopo tre partite la percentuale della condizione fisica della Roma com’è?
Siamo ad un buon punto. E’ normale che ci sono dei ragazzi nuovi e il mercato di mezzo. Dobbiamo continuare a lavorare. Dopo la sosta giocheremo ogni tre giorni e non ci sarà molto tempo per lavorare, soprattutto per noi che andiamo in Nazionale. Siamo ad un buon punto. Contro il Verona che ti fa correre molto hai corso per 90′, con la Juve hai spinto sempre fino alla fine con grande pressione e anche oggi con un campo difficile e un avversario con caratteristiche diverse come quelle di Okaka e Lasagna, due che ti fanno correre molto. Abbiamo retto bene.

La proposta tra te e Santon di partecipare alle manovre offensive è stata preparata?
Giocando con il 3-4-3 se io ho la palla, Santon entra in area per chiudere il cross. E’ il modulo che ti ci porta. Giocando a 4 devi sempre chiudere l’azione.

SPINAZZOLA A DAZN

Ti senti sicuro ad andare in campo adesso?
Siamo controllati ogni due giorni, se ci dicono che siamo tutti negativi dobbiamo essere sicuri. Ci fidiamo della società, ma anche fuori siamo sempre attenti. Tutto il mondo sta passando questo periodo difficile, ma passeremo anche questa.

Altra partita di altissimo livello in entrambe le fasi.
Dovevamo prendere tre punti contro la Juve. Oggi abbiamo sofferto la loro profondità, Lasagna è molto veloce, De Paul e Pereyra hanno molta qualità. Nella ripresa ci siamo allungati, era più difficile reggere. Ma sono tre punti importantissimi.

Vedremo una Roma diversa quando aumenterà la condizione?
Siamo a un buon livello, dobbiamo concretizzare meglio e con più cattiveria. Innanzitutto devi fare l’1-0, poi le partite cambiano.

Ormai vai con facilità sul fondo, usi pure il mancino nei cross. Giocando a sinistra puoi anche cercare di più la conclusione e chiudere l’azione.
Me lo dice anche il mister, devo migliorare, soprattutto nella cattiveria. Ci sto lavorando, spero che il gol arrivi più spesso.

Da mesi stai giocando a un livello strepitoso. Qual è la chiave, fisica o mentale?
Fisicamente sto bene, nel lockdown ho lavorato tantissimo dal punto di vista fisico, cosa che non ero riuscito a fare giocando ogni tre giorni. Poi ho cambiato altre due-tre cose. Vedo la differenza e spero di continuare così.

SPINAZZOLA A SKY

Hai iniziato questo campionato dimostrando di esserci.
Praticamente non abbiamo mai finito lo scorso. Ho finito lo scorso con un buon livello e ora sto bene fisicamente e mentalmente. Mi trovo bene in campo, spero di continuare. Ci sono tante squadre che l’anno scorso non c’erano, che non sono partite subito al massimo. Si sono aggiunte queste grandi squadre che vogliono la Champions, dobbiamo pensare partita per partita. Diciamo sempre quello ma è la verità, non puoi pensare alla lunga. Pensiamo al Benevento e poi alla prossima, è così che va.

A Verona avevi fatto una partita surreale, oggi lo stesso. Quanto beneficio hai tratto dalla difesa a tre? Sei quasi sempre il migliore in campo.
Tanto, anche la fascia sinistra dove prima non giocavo. Torno sempre su quel tasto. Poi anche a quattro con il mister il terzino sinistro faceva sempre il quinto perché si abbassava il centrocampista, avevi possibilità di attaccare. Ho più propensione ad andare in attacco, c’è un difensore dietro ora. Spero di mantenere questo livello e che la Roma vinca.

Questo vale anche in Nazionale, com’è con Mkhitaryan o Pedro da quella parte?
Sono giocatori di grande qualità, è facile giocare con loro. Gli dai una palla brutta e la fanno diventare bella, poi fanno i complimenti a te ma il merito è loro.

Hai mandato messaggi a Smalling?
No, è la società che parla. Abbiamo questi difensori centrali che se la stanno cavando bene. Io penso al presente, al domani vedremo.

Puoi giocare anche centrale in emergenza…
Sì, anche portiere (ride, ndc). I portieri ci sono e sono bravi, ma se il mister vuole…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy