Roma, nuovo aumento di capitale da 210 milioni. E Friedkin ne mette 15 nelle casse del club

Queste le novità dal CdA giallorosso riunitosi oggi per approvare il bilancio della stagione 2019-20. Spostata al 6 novembre la deadline per aderire all’Opa

di Redazione, @forzaroma

Nella giornata di oggi il CdA della Roma si è riunito per l’approvazione del bilancio relativo all’esercizio chiusosi lo scorso 30 giugno. Dall’assemblea sono emerse due importanti novità: il nuovo aumento di capitale da 210 milioni con scadenza fissata al termine del 2021, che verrà messo ai voti il prossimo 9 dicembre, e il finanziamento di 15 milioni da parte dei Friedkin, che dunque continuano a inserire soldi freschi nelle casse della società (la nuova presidenza ha già messo 92 milioni). Inoltre, è stato annunciato lo spostamento della deadline per aderire all’Opa, ora fissato al 6 novembre. In precedenza, la scadenza era al 29 ottobre: la data è stata modificata, in accordo con la Borsa italiana, per permettere agli azionisti di valutare le modifiche derivate dal già citato aumento di capitale.

Su richiesta della Consob, già a inizio mese, la Roma aveva reso noto il bilancio della stagione 2019-20. La perdita è stata di 204 milioni di euro, ben 180 in più rispetto all’annata precedente, nella quale il club giallorosso aveva disputato la Champions (dall’Europa League, a causa dell’eliminazione agli ottavi per mano del Siviglia, sono arrivati solo 16,8 milioni). Tra le cause di questo “rosso”, come comunicato dalla società capitolina, ci sono gli effetti del Covid, oltre naturalmente a minori ricavi provenienti da sponsorizzazioni (pesa ancora la rottura con Betway) e plusvalenze. Il patrimonio netto consolidato è invece risultato negativo per 242,4 milioni, mentre il fatturato è stato di “soli” 141.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy