Roma, centrocampo al potere: Veretout-Mkhitaryan seconda coppia d’Europa con più gol

I due romanisti hanno segnato 18 reti in due. Nei cinque campionati top, tra i centrocampisti (compresi quelli offensivi) solo il duo Gundogan-Sterling ha fatto meglio

di Valerio Salviani, @vale_salviani

Ci sono un francese e un armeno e non è l’inizio di una barzelletta. Di certo però è una storia che fa sorridere Paulo Fonseca. Jordan Veretout e Henrikh Mkhitaryan sono i due uomini chiave della Roma in questa stagione e non c’è modo di dimostrare il contrario. E se è vero che non sono mai stati i gol a definire un centrocampista, si può anche dire che è grazie ai loro numeri in fase realizzativa se a Trigoria qualcuno può ancora sognare lo scudetto.
Insieme hanno segnato diciotto reti in campionato. Una cifra che prende una forma ancor più delineata se si va a scandagliare l’intero panorama europeo. Nei cinque campionati top solo una coppia di centrocampisti (compresi quelli offensivi come il numero 77 giallorosso) ha fatto meglio, ed è quella formata da Gundogan e Sterling. Il turco del City ha segnato undici gol (mai così tanti in carriera), mentre l’esterno inglese è a quota otto. Un solo gol in più della coppia romanista, anche se solo con un rigore calciato.

Veretout-Mkhitaryan seconda coppia gol d’Europa

 

Se si prendono in esame le coppie di goleador senza tenere conto della posizione i due giallorossi non entrano nella top 10. Tutti i tandem nei migliori campionati sono però composti almeno da un attaccante. Lewandowski e Mueller hanno segnato 34 reti, Suarez e Llorente 23, Son e Kane sono a quota 26.
Il campionato dove i centrocampisti segnano di più è la Premier League, curiosamente la lega dove Veretout e Mkhitaryan hanno fatto più fatica in carriera. A dominare la scena è Bruno Fernandes con 14 gol. Il portoghese è il capocannoniere nel Manchester United e sommando le sue reti a quelle di Rashford il conto dice 22. In Germania va segnalato Wamangituka, congolese classe ’99 che con lo Stoccarda ha segnato 11 volte in Bundesliga. Uno in più di Thomas Mueller, che chiaramente non fa più notizia. Al netto di tutti i calcoli, l’unico centrocampista puro ad aver fatto più reti di Veretout resta Gundogan.

LaPresse

Destini incrociati: dal possibile addio a punti di riferimento nella Roma

 

E dire che, per motivi diversi, Veretout e Mkhitaryan avrebbero potuto giocare questi campionati in altre squadre. Il Napoli ha fatto tanto per arrivare al francese. Oltre al lavoro di Fonseca, che ha pressato il suo centrocampista per non farlo partire, la chiave della sua permanenza si può trovare nella mancata cessione di Koulibaly. Con i soldi ricavati dal difensore, De Laurentiis avrebbe potuto alzare di molto la posta sul piatto, raggiungendo anche la richiesta della Roma di 40 milioni di euro. A quel limite però il Napoli non ci è mai arrivato. La volontà di restare del giocatore ha fatto il resto.
L’acquisto di Mkhitaryan invece è stato quasi un piccolo capolavoro. La Roma, il giocatore e il suo agente Mino Raiola, hanno lavorato l’Arsenal ai fianchi per mesi, arrivando alla rescissione del contratto che ha permesso ai giallorossi di comprare il numero 77. Una trattativa difficile, che è durata per tutto il lockdown e si è conclusa con la fumata bianca. Adesso a Trigoria il tema è il rinnovo. La penna e il contratto sono sul tavolo. Manca la firma di Micky, ma l’impressione è che si tratti solo di aspettare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy