Rizzitelli: “Luis Enrique male sin quì. Non ha la giusta esperienza”

di Redazione, @forzaroma

L’ex bomber della Roma Ruggiero Rizzitelli, 211 presenze e 55 reti in maglia giallorossa, ha rilasciato un’intervista dove parla di Luis Enrique, Juan e Kjær:

 

Su Juan e Kjær

L’assenza di Juan peserà molto nello scacchiere di Luis Enrique. Il posto del brasiliano dovrebbe esser preso da Kjær, che farà cosi il suo ritorno a Palermo da avversario, nella piazza che lo ha lanciato nel calcio italiano. Il giocatore danese non è riuscito in maglia giallorossa a ripetere quanto di buono fatto vedere nella sua prima esperienza nel nostro campionato, pagando soprattutto gli errori commessi nel derby d’andata contro la Lazio. Nel Palermo mancherà Silvestre, giocatore dalle grandi qualità, anche se non so se avrebbe fatto al caso della Roma. Il reparto arretrato della formazione capitolina fa acqua da tutte le parti, anche a seguito delle scelte di Luis Enrique, la cui idee legate all’atteggiamento difensivo che dovrebbe tenere la sua squadra mal si sposano con le caratteristiche dei suoi effettivi in quel reparto“.

Su Montella-Luis Enrique

La scelta di non riconfermare Montella in giallorosso credo sia stata giusta in prima battuta, tenuto conto che allenare il Catania e allenare la Roma non è proprio la stessa cosa. Lavorare in un una piazza esigente come quella giallorossa, comporta sempre la necessità di lottare per obiettivi diversi da quello della salvezza, motivo per il quale credo sia stato giusto non puntare su un allenatore dotato di poca esperienza come Montella. Proprio per questo stesso motivo non condivido la scelta di affidare la guida della squadra a un tecnico come Luis Enrique, che prima della sua avventura in Italia si era espresso solo come tecnico della formazione ‘B’ del Barcellona. Il mio parere sul suo operato è negativo, non solo per i risultati conseguiti, ma anche per le scelte da lui adottate nel corso della stagione“.

(calciomercato.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy