Risse, incidenti e svenimenti: ecco le notti no limits dei giocatori della Roma – FOTO

Bruno Peres è solo l’ultimo di una lunga lista di nomi che sono comparsi sulle pagine di cronaca bianca e non su quelle sportive: un riassunto delle serate brave dei giallorossi

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

NOTTI BRAVE GIALLOROSSE

La Dolce Vita di Roma, la città degli eccessi, dei baccanali e del tutto è lecito. E spesso nascosto, censurato, ovattato. “La Roma puttana” cantata da Barbarossa, o quella “Nuda” di Califano. Un fascino oscuro che ha coinvolto nelle sue notti brave tanti giocatori nella storia della Roma. Soprattutto i brasiliani. Bruno Peres, il recidivo, è solo l’ultimo di una lunga lista di nomi che sono comparsi sulle pagine di cronaca bianca e non su quelle sportive. Detto che poco più di un mese fa tutto il mondo ha assistito incredulo alla deriva alcolica di Nainggolan in diretta Instagram con tanto di bestemmie e parolacce (ma il belga almeno non era alla guida) ecco un riassunto di incidenti, patenti ritirate, risse o addirittura “svenimenti” da alcol con protagonisti i giocatori della Roma in questi anni.

peres_roma1

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. encat - 3 anni fa

    leggo la quantità impressionante di mezze pippe che sono transitate per trigoria…e ancora ci si stupisce che non vinciamo mai nulla?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. delgottardo.vincenz_820 - 3 anni fa

    Io farei i contratti dei giocatori a scalare tu vuoi quattro milioni a stagione bene accordato ma tu mi devi dimostrare di meritarli facendo un campionato di vertice e vincerlo altrimenti ti dimezzo la somma del contratto fino a darti il minimo di stipendio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nennis57_453 - 3 anni fa

      Magari fosse possibile…. sono solo dei bambocci viziati e presuntuosi, resi semidei dalla gente che ogni domenica li idolatra invece di ignorarli e di considerarli per quello che realmente valgono: meno di niente!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy