Pallotta-Petrachi, addio al veleno. Spunta l’sms: “Presidente, lei è un piccolo uomo”

La sera dell’11 giugno 2020 l’allora ds della Roma ha inviato un messaggio al suo presidente: “Dopo quello che ha fatto in maniera vile, le conviene mandarmi via”

di Redazione, @forzaroma

La rottura definitiva tra la Roma e Gianluca Petrachi si è consumata la sera dell’11 giugno 2020. Secondo quanto riporta ‘Il Tempo’, infatti, dopo l’intervista di Pallotta in cui non lo aveva neanche nominato, l’allora ds giallorosso ha inviato un messaggio al veleno al suo presidente. “Buonasera Presidente, mi dispiace constatare che lei è un piccolo uomo… Ho sperato tanto di poterla rappresentare qui a Roma per poterle far fare bella figura e non farle rubare i soldi come hanno fatto in tanti. Evidentemente non mi sono fatto capire ed apprezzare abbastanza. Ora le conviene mandarmi via perché dopo quello che ha voluto fare in maniera vile non potrò più esserle d’aiuto”, il contenuto dell’sms rivelato dal quotidiano. Per Pallotta e la società capitolina questa è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso e poche settimane dopo è arrivato il licenziamento. Petrachi ha poi vinto la causa contro la Roma, che sarà costretta a pagargli più di 5 milioni tra stipendi e danni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy