Il cucchiaio di Totti scatena le critiche. Il capitano aveva un fastidio alla gamba sinistra

di Redazione, @forzaroma

Totti e Kjaer sono i principali bersagli delle critiche sull’11/a sconfitta in campionato, ma se per il centrale il coro è unanime, sul numero 10 la tifoseria si spacca.

A scatenare il dibattito è la prestazione sottotono del capitano e, soprattutto, il ‘cucchiaio’ tentato e fallito a porta spalancata che avrebbe potuto portare la Roma sul 2-0.

Una giocata contestata duramente: «Totti è stato il giocatore più forte della nostra storia e nessuno dimentica quello che ha fatto per questi colori, ma il tempo passa per tutti e non può giocare solo per riconoscenza» il punto di vista condiviso dai critici, condito da attacchi («è finito, un rottame» da un lato, «è giunta l’ora di pensare a una Roma senza Totti, è una pagina da girare» dall’altro).

Attacchi cui ormai Totti è abituato e che non lo toccano più di tanto. Il dispiacere piuttosto è per il risultato negativo di San Siro e per una Champions sempre più lontana, mentre la preoccupazione è per i continui problemi fisici con cui fare i conti. La scelta di optare per il ‘cucchiaio’ al posto di un tiro potente nasce infatti da un fastidio alla gamba sinistra, la stessa che lo aveva costretto a saltare il Genoa. Il problema ha negato a Totti l’appoggio per caricare il tiro, lasciandogli come unica chance quella del colpo sotto a scavalcare Abbiati. La situazione del capitano, assieme a quella di Borini (uscito anche lui per un affaticamento alla coscia sinistra), verrà valutata domani dallo staff medico giallorosso e non è escluso che i due debbano sottoporsi ad esami strumentali per accertare eventuali lesioni. (ANSA)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy