“Giochiamo in casa e abbiamo voglia di vincere”. Garcia è carico, Gervinho è pronto

di finconsadmin

(di Guendalina Galdi) La Roma si avvicina al tredicesimo turno di campionato, aperto oggi pomeriggio dal derby di Verona. I giallorossi chiuderanno questo turno che coincide con la ripresa dopo la terza sosta per le Nazionali. Ceduto, per un pomeriggio, l’Olimpico all’Italia del rugby la Roma se ne riapproprierà lunedì sera in occasione della sfida contro il Cagliari. La squadra di Garcia giocherà dopo la Juventus, distante un punto. C’è la possibilità che la Roma trascorra la notte tra domenica e lunedì da seconda della classe; i bianconeri infatti sono attesi dalla sfida-cuscinetto contro il Livorno.

 

Un piccolo amarcord. Se ci fosse un calendario sul quale per ogni giorno dell’anno ci sia la possibilità di scrivere tutte le gare giocate in quello stesso giorno, oggi avrebbe una posizione di estremo rilievo la partita che si giocò esattamente tre anni fa all’Olimpico. Era il 23 novembre 2010 e la Roma, in rimonta, stava per battere il Bayern Monaco con il risultato di 3-2. Dopo il doppio vantaggio ad opera dell’ora viola Gomez la Roma si rialza grazie a Borriello, De Rossi e Totti dagli undici metri.

 

VERSO IL MONDAY NIGHT – Il Cagliari in queste prime dodici giornate di campionato ha collezionato 13 punti, vincendo tre partite, pareggiandone quattro ed uscendo senza punti dal terreno di gioco in cinque occasioni. La formazione sarda ha una differenza reti pari a -7 con le tredici reti realizzate dagli uomini di Diego Lopez e le 20 subìte dagli stessi. Il bilancio per i rossoblù diventa ancora più negativo se circoscritto alle prestazioni fuori casa. In trasferta non hanno mai vinto, hanno pareggiato due volte e perso quattro. Dieci i gol subìti e quattro quelli realizzati lontano da Cagliari, anche se per una parte del campionato le partite casalinghe sono state giocate a Trieste. Il Cagliari inoltre all’Olimpico in questa stagione ha già giocato, contro la Lazio. Con il risultato di 2-0 i biancocelesti si sono aggiudicati i tre punti.

Esordio negativo dunque per Lopez e i suoi allo stadio Olimpico. La scorsa stagione Roma-Cagliari fu la sfida complice dell’esonero di Zeman; il pareggio tra le due, in casa dei giallorossi, è il risultato che manca da più tempo, da quattordici anni. Lopez farà a meno di Nainggolan, a causa della squalifica, Garcia invece è privo di Torosidis. Il greco lascerà spazio a Dodò che condividerà il reparto arretrato con Maicon e la ritrovata coppia Castan-Benatia. Torna Gervinho, Destro ancora non è al 100% ed il recupero di Francesco Totti procede a grandi falcate. La data più accreditata per il suo rientro è ancora l’8 dicembre, giusto per Roma-Fiorentina durante la quale molto probabilmente ritroverà l’altrettanto rientrante Gomez. Il tedesco attaccante viola non è stato inserito da Montella nella lista dei convocati per la gara di domani contro l’Udinese.

 

TRIGORIA VERDE – E’ cosa risaputa che dal vivaio giallorosso escano grandi promesse. Giovani talentuosi che tra le mura e sui verdi campi del Fulvio Bernardini crescono in tutti i sensi prima di essere lasciati alle proprie vite ed alle proprie carriere anche se a volte queste ultime continuano lontano dalla Capitale. La lista è lunga, però, anche di giocatori che dalla Roma non se ne sono più andati, o comunque sono tornati ‘a casa’ dopo brevi parentesi altrove. Totti, De Rossi, Florenzi, Romagnoli, Ricci, Caprari sono solo gli attuali. Ma tornando a chi la maglia della Roma l’ha indossata maggiormente durante le giovanili, anche qui la lista è piuttosto lunga. Cerci, Antei, Stoian, Pepe, Curci, Aquilani. Nomi noti sì, ma non legati alla attuale realtà calcistica giallorossa. La Roma da sempre distribuisce talenti in Serie A e nella serie cadetta. Tra i calciatori che hanno lasciato Roma c’è anche Daniele Conti. Figlio d’arte, ed è ancora da capire quanto questa ‘condizione’ influisca sul futuro di un figlio, ma con una storia diversa da quella del padre. Daniele evidentemente non ha compiuto gli stessi passi di Bruno, ma senza rimpianti. Lunedì, da avversario, tornerà a Roma e la squadra di Garcia dovrà fare la massima attenzione a questa ‘bestia nera’ dei vari Roma-Cagliari o Cagliari-Roma che, come i tori appena vedono rosso, quando vede davanti a sè il giallo-rosso si esalta. Ma riprendendo il discorso che lega Trigoria ai talenti del mondo del calcio, per completezza di informazione, questi ultimi non sono solo calciatori. Insomma dal settore giovanile giallorosso escono anche allenatori di livello. Gli esempi più recenti sono Vincenzo Montella ed Andrea Stramaccioni, che sono stati rispettivamente allenatori dei Giovanissimi e degli Allievi Nazionali della Roma prima di andare a sedere sulle panchine di Fiorentina ed Inter.

Oggi la Primavera di Alberto De Rossi torna alla vittoria. Dopo tre turni senza i tre punti, oggi in trasferta a Palermo, i giovani giallorossi ritrovano la vittoria per 2-0 sui rosanero.

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy