Caos stadio Roma, Parnasi intercettato: “Tempi troppo lunghi, così Pallotta va via”

Caos stadio Roma, Parnasi intercettato: “Tempi troppo lunghi, così Pallotta va via”

Il costruttore in un dialogo del marzo 2017: “Ci ho messo 26 milioni e mi rode il c**o. Dobbiamo dire noi come si fanno le cose, non farcelo dire da Lanzalone”

di Redazione, @forzaroma

Spuntano altre intercettazioni di Luca Parnasi, risalenti al 4 marzo 2017, riguardanti l’inchiesta ‘Rinascimento’ che ha coinvolto il progetto stadio della Roma. L’iter si era appena fermato a causa della Valutazione di impatto ambientale negativa. Lo sfogo del costruttore: “Questi sono tutti figli di p****na alla fine! e pensano al loro culo politico, non pensano a Roma, non frega un c***o a nessuno, questa è la verità: di Roma non gliene frega un c***o a nessuno”. Poi dice furioso ad un collaboratore: “Dobbiamo dire noi come si fanno le cose, non farcelo dire”.

La paura del numero 1 di Eurnova è che possa saltare tutto: “Ci ho messo 26 milioni e mi rode il c**o, così rischiamo che Pallotta va via dice intercettato – . Noi dobbiamo dire a Comune e Regione cosa devono fare, cercando di comprimere il più possibile i tempi. Dobbiamo dire noi come si fanno le cose, non farcele dire da Lanzalone… Persone che non hanno mai fatto una convenzione a Roma… O da Civita, che fa il politico sulla pelle nostra – continua nel suo sfogo Parnasi – Definiamo i tempi noi e gli diciamo si deve fare, così perchè sennò siamo morti … Dobbiamo invertire la marcia, quello che è successo ieri è grave… Per questo mi sono mangiato Luca Bergamo (vicesindaco di Roma, ndr) e dobbiamo dire: ‘Signori, si fa così’. Ma il tono deve essere fermo e irremovibile”, lo riporta l’Ansa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy