Bonucci: “Abbiamo staccato la spina, una lezione in vista di mercoledì”

Le parole del difensore bianconero al termine del match vinto dalla Roma sulla Juventus per 3 a 1

di Redazione, @forzaroma

Al termine del match vinto dalla Roma sulla Juventus per 3 a 1, è intervenuto ai microfoni dei giornalisti il difensore bianconero Leonardo Bonucci.

BONUCCI A SKY

Allegri ha detto ‘Dall’allenamento di ieri ho capito che avremmo staccato la spina a fasi alterne. Poi ‘Questa partita ci farà drizzare le antenne in vista di mercoledì’. Che ne pensi?
Quello che dice il mister è giusto, ieri abbiamo fatto un allenamento un po’ così così. C’erano già le avvisaglie. Dopo il primo tempo abbiamo sicuramente staccato la spina, questa è la cosa più preoccupante. Una squadra come la nostra che nelle ultime 3 partite subisce 6 gol… c’è qualcosa che a livello mentale non torna. Speriamo ci serva da lezione perché mercoledì c’è una partita difficile.

Quanto ha influito il fatto di avere 8 punti di vantaggio sulla Roma?
Io sono del parere che sia una cosa non concepibile, quando sei lì per prendere l’obiettivo devi avere la voglia e la fame per portarlo a casa. Continuiamo a regalare punti pur avendo un discreto vantaggio, però poi nel calcio non c’è nulla di scontato. Stasera ottimo primo tempo, poi nel secondo abbiamo subito due gol non da Juve.

Stasera non c’era Dzeko. Da difensore è più complicato dover mancare uno come lui oppure quando non c’è punto di riferimento?
Sinceramente credo che i gol subiti ultimamente, molti siano dipesi da noi. Con più attenzione avremmo subito meno gol e avremmo preso più punti. Dzeko ci avrebbe dato più riferimento, al contrario di Salah e Perotti, però la Juve ha dimostrato che anche contro punte mobili sa non soffrire. Siamo noi che dobbiamo tornare con i piedi per terra e ritrovare l’umiltà, che questa sconfitta ci serva per ritrovare quella voglia di correre, sacrificarci, di far fatica nel vincere le partite.

Insieme alla Juve, siete cresciuti in tanti a livello internazionale.
Quello che ci ha contraddistinto è la voglia di non mollare un centimetro, la crescita in personalità anche nei calciatori arrivati quest’anno. Ma come sai bene, quando non sei al 100% prendi 3 gol a Roma, 2 a Bergamo… questo è quello che ci deve far rosicare più di tutti. Non bastano solo le parole, ma sul campo dobbiamo dimostrare di essere la squadra che tutti dicono.

BONUCCI A PREMIUM

Due punti in tre gare sono pochi, abbiamo preso poi sei gol che per la Juventus sono incredibili. Abbiamo staccato la spina inspiegabilmente, speriamo che il ko serva da lezione, nelle ultime tre partite non abbiamo dimostrato che siamo la Juventus. Non dovrebbe succederci questo, quando sei vicino all’obiettivo lo devi prendere senza fare calcoli, stasera dovevamo chiudere il discorso e invece ci troviamo con una partita mercoledì da vincere e poi battere il Crotone. È vero che così teniamo alta la tensione, però domenica avremmo potuto recuperare quelle energie che a fine campionato vengono a mancare. Detto questa, che ci serva da lezione per farci ritrovare l’umiltà e nel divertirci e nel non prendere gol.

BONUCCI A RAI SPORT

Pronti alla coppa Italia dopo questa gara?
La sconfitta di questa sera deve essere uno stimolo per noi, dobbiamo tornare ad essere affamati. Mercoledì incontreremo una Lazio che sta bene e dovremo dare il meglio di noi.

In Champions siete perfetti, poi nelle ultime partite di Serie A ne avete presi 6. Cosa succede?
Nel corso della stagione abbiamo cambiato molti calciatori ma non è mai successo niente. Questa sera nel secondo tempo abbiamo spento la concentrazione e la luce.

La Champions mentalmente vi distrae?
Nel primo tempo faccio fatica a trovare occasioni in cui la Roma ci ha messo in difficoltà. Nel secondo tempo loro sono stati più cattivi e noi abbiamo fatto difficoltà.

Futuro?
Ho un contratto lungo con la Juve. Penserò prima ai nostri obiettivi e poi il prossimo anno vedremo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy