Mercato Roma, idea Steffen per la porta

Un portiere dotato di mezzi atletici impressionanti ma anche di una tecnica di base fuori dal normale, al suo secondo Mondiale Under 20 dopo la partecipazione come terzo portiere nell’edizione 2013

di Redazione, @forzaroma

E’ mancato il classico pizzico di fortuna per entrare nell’elite del calcio mondiale a livello giovanile, ma la nazionale Usa Under 20, eliminata dalla Serbia ai quarti di finale della Coppa del Mondo di categoria in Nuova Zelanda dopo una serie interminabile di calci di rigore, può guardare al futuro con ottimismo. Il calcio statunitense si conferma in crescita costante e, se la formazione A guidata da Jurgen Klinsmann continua a stupire (come confermano le prestigiose vittorie in amichevole con Olanda e Germania), anche i talenti in erba continuano a lanciare messaggi più che incoraggianti in vista dei prossimi appuntamenti internazionali.

NEL SEGNO DI HOWARD – Tra questi, negli Usa Under 20 guidati dall’ex nazionale Tab Ramos (quello della gomitata di Leonardo a Usa ’94) c’è un portiere che non solo è pronto a raccogliere l’eredità di Tim Howard ma anche ad affermarsi come uno dei numeri 1 più promettenti dei prossimi anni. Parliamo del classe ’95 Zackary Steffen, cresciuto nella University of Maryland e acquistato il gennaio scorso dai tedeschi del Friburgo. Un portiere dotato di mezzi atletici impressionanti ma anche di una tecnica di base fuori dal normale, al suo secondo Mondiale Under 20 dopo la partecipazione come terzo portiere nell’edizione 2013. Negli Stati Uniti, dove nel 2013 è stato votato come miglior giocatore difensivo del campionato universitario e anche l’anno dopo è stato tra i protagonisti della grande stagione della sua squadra, dicono che “uno così forte nasce una volta ogni 30 anni”.  

LO SPECIALISTA – Dopo aver portato al Mondiale la sua squadra parando un rigore fondamentale nello spareggio con El Salvador, si è ripetuto negli ottavi di finale contro la Colombia e, nella sconfitta dagli 11 metri contro la Serbia, ha parato altre due conclusioni agli avversari, prima di arrendersi soltanto al diciottesimo tentativo. E anche durante i 120′ che hanno preceduto i rigori ha esibito il meglio del proprio repertorio, dimostrandosi estremamente reattivo tra i pali e sicuro e preciso nelle uscite. Un ragazzo di enorme carisma e personalità, che oggi fa parte della formazione riserve del Friburgo (dopo aver rifiutato un’offerta dal Philadelphia Union, franchigia di MLS), ma sul quale Inter e Roma, squadre che in prospettiva futura cercano un portiere di valore hanno già messo gli occhi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy