Durante (ag. Fifa): “Mercato Roma? Ottimo affare con Paredes. Sanabria buono in prospettiva”

di finconsadmin

Sabatino Durante, agente Fifa, è stato contattato ed ha rilasciato un’intervista a proposito di due colpi di mercato messi a segno dalla Roma: Leandro Paredes e Antonio Sanabria.

Queste le parole di Durante, anche sulle mosse di Sabatini in generale,  rilasciate al portale insideroma.com:

 

 

Lei che è un conoscitore del calcio sudamericano, cosa può dire di Sanabria?

Lo conosco, sì, ma non benissimo. E’ un buon giocatore ma, tuttavia, deve ancora maturare. Penso che la Roma lo abbia preso più che altro in prospettiva.

 

Spesso si fanno dei paragoni per spiegare le caratteristiche di un giocatore.

Lasciamo stare i paragoni. Rischieremmo di essere derisi.

 

E di Abner cosa ne pensa?

Beh, è lo stesso. Si tratta di un acquisto “in prospettiva”. E’ un po’ lo stesso discorso che ho fatto per Dodò. Non possiamo pensare che questi ragazzi, appena arrivati a Roma, diventino titolari tout court. Abner, però, rispetto a Dodò, ha un po’ più di vis pugnandi. Secondo me la dote migliore di un giocatore è l’agonismo. Dodò, ad esempio, non ha questa caratteristica e pare che a volte stia facendo un balletto. Prendiamo Maicon, invece: come si vede che suda e fatica!. Abner ha buone doti fisiche ma, ripeto, è impensabile che, a giugno, diventi titolare della Roma

 

A fine estate Sabatini aveva capito la lezione, acquistando diversi nomi d’esperienza. Anche in questa finestra di gennaio lo ha fatto: Nainggolan e Bastos lo dimostrano. Ora, secondo lei, è tornato a lavorare per la Roma del futuro?

Vuole prendere dei giovani per fare mercato. Penso che la Roma non abbia terzini e deve intervenire su questo. Ora, è vero che c’è Maicon, il quale fa sempre la sua figura, ma ha anche una certa età e non è eterno. La forza, prima o poi, finisce. Stesso discorso per Balzaretti, che non è più un ragazzino. Ai terzini serve forza e corsa e la Roma dovrebbe focalizzarsi su giocatori giovani, sì ma anche pronti per giocare subito. E qui veniamo a Dodò. Con tutto il rispetto per lui, devo dire che, probabilmente a Torino, se non avesse giocato, la Roma non avrebbe preso i due primi gol. Insomma, a mio avviso, ci vogliono nomi di giocatori di 22 anni o 23 già esperti. Il problema della Roma è solo sulle fasce.

 

Torosidis può essere una soluzione?

Sì, ma la Roma ormai è nell’elite del calcio italiano e ha bisogno di nomi nuovi. Torosidis è un buon giocatore ma ora i giallorossi sono secondi e il prossimo anno disputeranno la Champions League. Ci vogliono nomi ancora più importanti.

 

E di Paredes, invece, cosa pensa?

Ha fatto un ottimo affare con Paredes. Questo, a parer mio, è un grande giocatore. E’ uno di quelli che ti può accendere le luci in campo. Qualcuno sostiene che abbia un carattere un po’ sopra le righe ma tutti quelli bravi bravi sono un po’ strani. Quando ha giocato insieme a Riquelme, ha avuto la sua consacrazione: Riquelme aveva occhi solo per Paredes. Per questo giocatore il discorso è diverso: anche se ha 20 anni, da un giorno all’altro potrebbe essere titolare nella Roma e penso lo sarà sicuramente.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy