‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “N’Zonzi poco adatto alla Serie A e lento come Gonalons”

‘RADIO PENSIERI’, LEGGERI: “N’Zonzi poco adatto alla Serie A e lento come Gonalons”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

di Redazione, @forzaroma

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

Max Leggeri (Centro Suono Sport – 101,5): “N’Zonzi secondo me è un gran bel giocatore, tecnicamente più forte di Gonalons ma mi sembra lento come l’ex capitano del Lione e poco adatto alla Serie A. Spero che il campo possa smentirmi. Monchi dice che ha acquistato 11 giocatori ma secondo me sono solo 5 quelli a disposizione di Di Francesco e cioè Pastore, Olsen, Kluivert, Cristante e Marcano”

Fabio Petruzzi (Centro Suono Sport – 101,5): “N’Zonzi sarebbe un ottimo acquisto. Centrocampista forte, di quantità, ruba palloni come pochi. Ricorda un po’ Kantè. A Roma farebbe subito il titolare, ma giocherebbe anche nei migliori club europei”

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “La Roma ha fatto una scommessa inserendo giovani importanti, da vedere se si ambienteranno subito, è una scelta un po’ azzardata. Il mercato si è complicato con il no di Malcom, ora si dovrà cercare l’affare. Può arrivare un giocatore esperto che risponde ai requisiti che cerca Di Francesco. Suso può riprendere quota in questi giorni, lui spinge per andare via. Per fare la mezzala Pastore si deve sacrificare di più”.

Alessandro Vocalelli (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Non capisco dove sta l’affare per la Roma se compra un giocatore di 30 anni come N’Zonzi, dopo aver ceduto Nainggolan a 24 più Zaniolo e Santon. L’esterno dovrebbe essere ancora una priorità tecnica come lo era l’anno scorso”.

Nando Orsi (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “N’Zonzi è un ottimo giocatore ma non è uno che sposta. La valutazione è esagerata. Sarebbe un bell’acquisto per la Roma, ma per me non è un grandissimo centrocampista. Ci sono giocatori che possono dare qualcosa in più. La squadra mi sembra molto adattata a Di Francesco, sostituire Alisson con Olsen è un grande rischio”.

Stefano Agresti (Radio Radio Pomeriggio – 104,5): “Bel vantaggio la chiusura del mercato inglese nella corsa a N’Zonzi. Tra lui e Herrera prenderei il messicano. Pavon costa 30 milioni e non so se può far compiere il salto di qualità alla Roma. Negli 11 la Roma non penso si sia rafforzata. Con Pastore e Olsen al posto di Nainggolan e Alisson non credo i giallorossi siano più forti”.

Alessandro Austini (Teleradiostereo – 92,7): “Io sono convinto che da qui alla fine del calciomercato la Roma prenderà un mediano. Se N’Zonzi va all’Inter io non torno a casa. Juventus lo cerca da due o tre anni. Da quello che so io Suso è stato messo da parte, non depennato dalla lista di Monchi ma meno in evidenza. Berardi non è mai stato un obiettivo, ma va sempre tenuto in considerazione”. 

Riccardo Angelini ‘Galopeira’ (Teleradiostereo – 92,7): “Monchi ha il compito di sfoltire la rosa perché con trenta giocatori si lavora male durante gli allenamenti. Quando un giocatore capisce di non stare più nei piani di un club o cerca di fargli cambiare idea impegnandosi, o tira indietro la gamba per non farsi male. Qualcuno degli esuberi non accetta nessuna destinazione, perché vogliono fare la Champions. Vendere è più complicato che comprare. C’è stato un mercato pre-Malcom e uno post-Malcom, purtroppo. Con quell’operazione la Roma avrebbe fatto un affare tecnico ed economico. Monchi credo sia rimasto stordito dal dietrofront degli agenti del brasiliano. Ora tutti sanno che la Roma può spendere quei 40 milioni, e complica le operazioni da fare. Non è un’attenuante, ma la Roma si è un pochino incartata. Gonalons è un giocatore di alta qualità, ma la personalità lo blocca. Un difetto? Ancora non parla italiano. Perotti non ha mercato e Juan Jesus ha rifiutato un paio di club”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattino – 104,5): “Le tournée lontane dall’Italia sono molto faticose. La Roma deve recuperare le forze ma io un paio di amichevoli facili le farei. L’esordio a Torino contro i granata non è una partita facile. Pavon? Non ti cambia niente, io dico che Perotti è più forte”.

Guido D’Ubaldo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Dagli Stati Uniti torna una Roma stanca e adesso Di Francesco chiude la squadra dentro Trigoria per lavorare e cercare di recuperare le forze perché tra dieci giorni inizia il campionato. Credo che la rosa sia ancora incompleta e Monchi farà di tutto per fare uno o due acquisti. Vi dico che Modric poteva arrivare alla Roma ai tempi di Spalletti, perché il tecnico toscano lo aveva chiesto ai dirigenti prima che il centrocampista passasse i Premier al Tottenham. Questa è una settimana decisiva per il mercato. Pavon è una possibilità, il giocatore non costa tanto e credo che il ds spagnolo ci proverà fino in fondo”.

Stefano Agresti (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ha fatto tutto e subito sul mercato ma adesso deve completare. L’idea di un pezzo forte a centrocampo è giusta, mentre sull’esterno ci sarebbe prima da cedere qualcuno e piazzare oggi Perotti ed El Shaarawy non è semplice. Pavon non ti fa fare il salto di qualità come avrebbe fatto fare Malcom”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Ogni allenatore vorrebbe ritrovarsi dopo 20 giorni di lavoro con le cose fatte, ma la Roma ha cambiato tantissimo e c’è bisogno di tempo. Ma il campionato tra poco inizia e non so se la Roma sarà pronta subito. Ho l’impressione che Di Francesco non sia totalmente soddisfatto della rosa a disposizione. Gli serve ancora un centrocampista e un esterno d’attacco. La sorpresa positiva potrebbe arrivare subito da Kluivert. Pavon è un destro, la Roma non cercava un mancino. Penso che sia un depistaggio”.

Nando Orsi (Radio Radio Mattino – 104,5): “Le amichevoli estive lasciano un po’ il tempo che trovano ma che danno indicazioni all’allenatore per come si dovrà comportare durante il campionato per limare alcune carenze tecniche. Forse Di Francesco si aspettava cose diverse dai suoi giocatori, ma è presto per giudicare. N’Zonzi a me non fa impazzire e non so se fà il caso della Roma. Se lo prendi a meno di 25 milioni fai però un affare. In attacco Di Francesco ha tante opzioni, io metterei mano più a centrocampo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy

// inizio configurazione per forzaRoma // fine configurazione per forzaRoma