Vecchi e nuovi sogni della Roma. Col centravanti che fa sempre gol

Vecchi e nuovi sogni della Roma. Col centravanti che fa sempre gol

Difesa, centrocampo e attacco: Manolas-Samuel, Nainggolan-Tommasi, Dzeko-Batistuta. Differenze e similitudini della squadra di Spalletti con quella di 16 anni fa, guidata in panchina da Fabio Capello

Edin Batistuta, Walter Manolas, Damiano Nainggolan. Le figurine…dove sono le figurine? Provi a buttarla giù, la barriera del tempo, ma 16 anni si sentono tutti. C’è un oceano tra quella Roma e questa. C’era una squadra che partiva con il chiodo fisso dello scudetto, idea rinforzata con i tre colpi da sogno sul mercato: Batistuta, Emerson e Samuel. In panchina Fabio Capello, l’uomo che «a Roma tu vai, provi a fare ordine, metti le regole, poi l’ordine dura 10 giorni». Questa Roma, scrive Stoppini su La Gazzetta dello Sport, gioca di rincorsa e strada facendo spera capiti l’occasione, la curva buona, il circuito dove piazzare la traiettoria vincente. È una rosa che ha meno cavalli nel motore e quattro punti in meno di quella. Ma che ha distribuito fin qui le sue forze in maniera simile a 16 anni fa. Bilanciamento offensivo, perché c’è un +17 sulla casella differenza reti che questa Roma ha espresso con 33 gol fatti e 16 subiti, mentre Capello si «limitò» a 9 reti incassate e 26 segnate. Questione di caratteristiche e di caratteri, perché Spalletti e Don Fabio sono allenatori assai distanti per filosofia, ma entrambi con quel chiodo fisso della disciplina.

Samuel stava a quella Roma come Manolas sta a questa. Non è in discussione il potenziale dei due giocatori, ovvio. Ma il peso specifico per i due allenatori è assai simile. Il greco sta bene: nell’ultimo mese ha giocato una sola partita, il naso prima e un guaio muscolare poi l’hanno fermato, ma ormai è storia passata. Il derby sarà suo. E sarà pure di Radja Nainggolan, che non è un’anima candida, non ha i riccioli ma la cresta, eppure è l’altra faccia della stessa medaglia: la riconquista del pallone. Quella continuità di rendimento che Dzeko sta avendo oggi: del paragone e del miglior rapporto minuti/gol del bosniaco s’è già dibattuto. Oggi come allora, la Roma non è scindibile dal suo centravanti. Vale per il derby e per quello che sarà poi.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy