Pastore riparte dal via. Ma deve cambiare marcia

Pastore riparte dal via. Ma deve cambiare marcia

Con l’Entella l’argentino in vantaggio su Zaniolo come trequartista. Dall’infortunio titolare solo a Plzen. Da lui la Roma vuole fantasia e ritmo

di Redazione, @forzaroma

Negli ultimi cento giorni o giù di lì gli è capitata una volta sola di partire dal via, giocando titolare. Ed è successo a Plzen, in Cham­ pions League, in una partita (persa dai giallorossi per 2­1) che per la squadra di Eusebio Di Francesco non contava asso­lutamente nulla. Stasera si riparte e Javier Pastore dovrebbe tornare ad es­sere nuovamente titolare. Tre­quartista alle spalle della pun­ta (più Schick di Dzeko). È ve­ro, la Virtus Entella e la Coppa Italia non ricordano l’atmosfe­ra della Champions League né ti danno l’adrenalina che ti mette addosso – ad esempio – un derby. Ma per Pastore può essere davvero una nuova par tenza. E, come tale, deve esse­re anche un punto di svolta.

Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, per la sfida di stasera con l’Entella, Pastore è in vantaggio su Zaniolo per il ruolo di trequartista. E non so­ lo perché ha una sana abitudi­ne a vincerle le coppe nazionali (con il Psg ha vinto le ultime cinque, esattamente come le Coppe di lega francese), ma anche perché probabilmente la Roma avrà la palla per lunghi tratti della partita ed allora questa può essere una sfida perfetta per rilanciare El Flaco dal via. Insomma, la Roma sta­sera è destinata a fare gioco e non ad inseguire o contrastare (anche se DiFra tutto ciò al suo trequartista lo chiede sempre e anche Pastore deve entrare nell’ottica di idee di farlo il più possibile). Poi dalla sfida di sa­ bato, quella con il Torino, si ve­ drà se nel frattempo Javier avrà iniziato la scalata nelle ge­ rarchie. Si deve iniziare però da stasera. Senza più dubbi.

(A. Pugliese)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy