Come affrontare il pranzo con la partita alle 12,30

Come affrontare il pranzo con la partita alle 12,30

Le partite di campionato alle 12,30, sotto l’aspetto dell’alimentazione, sono quanto di peggio possa capitare a chi vuole seguire la partita da casa in tv

di Redazione, @forzaroma

Mangio prima o mangio dopo? Mica facile decidere, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero. Perché se mangio prima c’è il rischio, facendo gli scongiuri, che il pranzo mi resti sullo stomaco; ma se decido di mangiare dopo c’è la possibilità di restare addirittura a digiuno.

Di mangiare durante, sia chiaro, non se ne parla: con quale coraggio si può pensare al cibo se in campo sta giocando la tua squadra del cuore? Le partite di campionato alle 12,30 sono quanto di peggio, sotto l’aspetto dell’alimentazione, ti possa capitare se vuoi seguire la partita da casa in tv.

Se decidi per il prima, ad esempio,non ti puoi sfondare come vorresti nel giorno di riposo per evitare di addormentarti sul divano indipendentemente dalle giocate in diretta tv del tuo attaccante preferito. Se opti per il dopo, devi sperare con tutto te stesso che la tua squadra vinca perché lo sfondamento gastronomico rientra storicamente nei festeggiamenti per i tre punti. Tutto sarebbe più facile se non si giocasse alle 12,30, ma qui il tifoso non conta. Paradossalmente, conta solo chi ci vuole mangiare un po’di più.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy